Tu sei qui
Home > ARTE E CULTURA > La mostra > L’ARTE DELL’ANNODATURA IN MOSTRA

L’ARTE DELL’ANNODATURA IN MOSTRA

annodatura dC maggio 2017

Al Museo Diotti di Casalmaggiore (Cr) un’esposizione di tappeti di manifattura ottocentesca curata dall’arch. Jim Lo Coco.

“Antichi Persiani. Leggende nascoste fra nodi di tappeti” è una mostra inserita nella rassegna Stupor mundi che il Comune di Casalmaggiore dedica all’Iran. Allestita al Museo Diotti, restituisce al pubblico il fascino spettacolare del tappeto persiano, manifesto di un’arte – quella dell’annodatura – assai antica quanto attuale. La rassegna permette di avvicinarsi in punta di piedi alle tradizioni di una civiltà millenaria ma anche ad un Paese – la Persia (attuale Iran) – dove, in minuscoli villaggi, polverose cittadine e storici laboratori, videro la luce autentici gioielli, capolavori della tessitura e delle arti decorative che trovano oggi spazio nei principali musei del mondo. La dott.ssa Roberta Ronda, Capo Settore Cultura e Istruzione del Comune di Casalmaggiore e la dott.ssa Pamela Carena, assessore alle Politiche Giovanili, Cultura e Turismo, ritengono che la cultura abbia la forza di stupire anche con appuntamenti insoliti. E in quest’ottica una mostra sul tappeto persiano rappresenta un’idea di grande originalità. A sostenerlo anche il curatore dell’esposizione, l’arch. bresciano Jim Lo Coco, autorevole esperto del settore: “Il tappeto è una componente fondamentale del nostro quotidiano ma su di esso non c’è ancora un sufficiente grado di conoscenza. I manufatti antichi con la loro funzione sociale e decorativa ci guidano a ritroso nella storia, recuperando tecniche antichissime e decorazioni immortali”. In mostra a Casalmaggiore tappeti di antica manifattura ottocentesca, organizzati in un percorso ad hoc. La selezione compiuta dal curatore mette in evidenza continuità e contrasti fra esemplari di tappeti realizzati in laboratori storici, frutto di rigore e tecnicismi, ed altri di ambito tribale, annodati seguendo esclusivamente estro, abilità e istinto. L’antico tappeto persiano è sempre frutto di un tempo lento, senza fretta, che non seguiva regole commerciali, ma il naturale susseguirsi delle stagioni, mai schiavo di mode stilistiche, ma fedele figlio di una cultura millenaria, mai attribuibile ad un singolo, ma ad un’intera collettività, familiare o professionale.

“Antichi persiani. Leggende nascoste fra nodi di tappeti”
Museo Diotti, Casalmaggiore Cr
13 – 28 maggio 2017
a cura dell’arch. Jim Lo Coco con la collaborazione di Alberto Guarneri

  • Inaugurazione 13 maggio, h 17, con presentazione a cura di Jim Lo Coco
  • Apertura: da mart a ven 8-13; sab 15-19; dom 10-12 e 15-19 (aperture straordinarie a richiesta per gruppi su prenotazione)
  • Ingresso mostra e museo: intero € 3,00; ridotto € 2,50; gratuito per scolaresche e possessori dell’Abbonamento Musei Lombardia Milano
  • Evento collaterale: domenica 21 maggio, ore15-19: dimostrazione di tessitura a cura del maestro annodatore Safiollah.
  • Didattica: laboratori per scolaresche su prenotazione (€ 4,00 per alunno)

Articoli Simili

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Ricevi in anteprima tutte le nostre novità.


You have Successfully Subscribed!