Tu sei qui
Home > Appuntamenti > DENTROCASA – maggio 2017

DENTROCASA – maggio 2017

DENTROCASA MAGGIO 2017

Gianpaolo Natali - maggio 2016

Quello che verrà è già scritto.

E a dettarne le regole è ancora una volta il Salone del Mobile di Milano, indiscusso e fascinoso leader mondiale delle fiere di settore. Sono andato a visitarlo anche quest’anno nelle mie molteplici vesti di appassionato del design, direttore di una rivista di arredamento ma anche organizzatore di una fiera con vocazione più territoriale ma con tanta voglia di crescere.
Il Salone detta legge ma io non mi limito ad adeguarmi. Mi confondo tra le tantissime voci e i tantissimi occhi che inondano la Design Week, ma allo stesso tempo osservo, ascolto, recepisco e mi faccio un’idea tutta mia. Al Salone è facile lasciarsi stregare dallo spettacolo polifonico e multicolore del design contemporaneo. È facile ammirare la raffinatezza dei pezzi e delle finiture, entusiasmarsi di fronte agli allestimenti scenografici (che naturalmente richiedono importanti investimenti), meravigliarsi al cospetto delle innovazioni tecnologiche. È facile in poche parole godersi lo show. Meno facile è tirare la riga, trarre le conclusioni, raccogliere quegli elementi davvero utili a delineare la traiettoria del domani. Identificare quindi le linee guida da dare al nostro progetto editoriale e fieristico nonché l’indirizzo da suggerire anche ai nostri partner commerciali. E al di là delle riserve personali già espresse in questa sede lo scorso anno, stavolta mi soffermo su quanto di positivo a livello di input il Salone mi ha dato.
Il must 2017 pare essere la personalizzazione, la creazione cioè di realizzazioni su misura ma non soltanto dal punto di vista della funzionalità e dello spazio: la tendenza è quella di cogliere il meglio, anche icone del design, e renderlo esclusivo e bello per sé, inserendo richiami rétro o al contrario super avanzati. Personalizzare è anche optare ad esempio per arredi ibridi indoor/outdoor o creare connubi fra il mondo dell’abitare e quello della moda o dell’arte (sì, proprio l’arte avrà un ruolo da protagonista nelle case esclusive di domani). Scegliere, reinterpretare e ridisegnare, quindi. Spettacolare poi, come sempre, Euroluce, fra innovazione e cultura del progetto, molto interessante anche Work place 3.0 per lo sviluppo degli spazi lavorativi e “fotonico”, passatemi il termine, il FuoriSalone. Meta più popolare e dinamica, al di fuori dello scenario B to B (business to business) del Salone, l’ho trovato una realtà in fortissima crescita nel segno di un’atmosfera che catalizza, diverte e contamina senza filtri. E anche quest’anno ve ne offriamo uno spaccato nel nostro reportage…
Alla prossima!!

Gianpaolo Natali

Salva

Articoli Simili

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Ricevi in anteprima tutte le nostre novità.


You have Successfully Subscribed!