Tu sei qui
Home > LE NOSTRE CASE > LA COMPLICITÀ DEI MATERIALI

LA COMPLICITÀ DEI MATERIALI

la complicità dei materiali dentrocasa giugno 2017

Un progetto che fa del rapporto tra i materiali impiegati il cardine su cui gestire gli ambienti di un abitare contemporaneo.

progettazione d’interni prospektiv – testo arch. roberto poli – ph eros mauroner

Un lavoro di ristrutturazione che va al di là del significato proprio del termine e acquista un valore evocativo, frutto del trattamento dei materiali e dell’attenzione posta nel loro utilizzo. Questo il significato dell’intervento eseguito dallo staff di Prospektiv in una abitazione situata alle porte di Brescia, in un tessuto urbano fortemente connotato da ex cascine con tipologia a corte, dove i materiali identitari del luogo, come legno, ferro e pietra vengono integrati dalle trasparenti e leggere superfici del vetro, più vicino alla contemporaneità del quotidiano, ma al contempo rispettoso delle preesistenze. Il progetto è costruito intorno ad un setto rivestito in pietra che genera gli spazi, dividendo salotto e cucina e che, proseguendo nel vano scala, sale sino al piano superiore dove funge da testiera del letto; lo stesso materiale identifica una passerella a pavimento che disegna gli spazi di living e sala da pranzo, senza soluzione di continuità; la pietra viene poi richiamata nel top e nell’alzata della cucina, caratterizzando in modo unico e personalizzato ogni ambiente della casa. A generare le partizioni in alzato è invece la splendida scala in ferro bronzato, pensata con una scenografica e continua monolamiera, completata da un leggero parapetto dello stesso materiale. In stile il tavolo con piano in ferro cerato, così come la madia Riva 1920; sofisticato l’uso nella cucina dove le colonne in ferro effetto liquido dialogano a stretto contatto con la pietra; la solennità del ferro è poi richiamata nei profili dei mobili Rimadesio le cui finiture valorizzano la relazione tra i materiali. A fare da “contenitore” al tutto è il legno, utilizzato per le grandi superfici di pavimenti e soffitti, in un rapporto di continuità esaltato dalla linearità di listoni e travetti. Lo stretto dialogo tra i materiali della tradizione è completato dall’uso di un quarto materiale come il vetro, discreto per natura, usato nelle sue moderne concezioni di finitura, retrolaccato, opaco e riflettente, e che va a caratterizzare gli ambienti senza stravolgere il sapore dell’insieme.

Articoli Simili