Tu sei qui
Home > ARTE E CULTURA > Motori > DOVE RICOVERO LA MIA AUTO D’EPOCA?

DOVE RICOVERO LA MIA AUTO D’EPOCA?

ricovero auto dentrocasa novembre 2016

Ordine e pulizia sono fondamentali… anche negli spazi che accolgono il vostro gioiello.

Bentornati. Avete goduto di questo meraviglioso autunno a bordo della vostra “nuova” auto d’epoca? Allora, prima di ricoverarla in un luogo adatto seguite alcuni consigli. Una bella lavata a fondo con un detergente neutro è d’obbligo, ma non fermatevi qui. Passate una buona cera per la carrozzeria (ce ne sono in commercio di ottime, alcune addirittura “preziose”) assolutamente a mano. Pulite bene l’interno e se avete la selleria in pelle “nutritela” come fate per il divano di casa. Passate un prodotto a base di vaselina sulle guarnizioni per mantenerle elastiche e per non farle seccare. Controllate ruote e pneumatici e, se lasciate l’auto ferma per qualche mese, meglio mettere olio motore e cambio nuovo. Lo cambierete poi quando la riutilizzate: eviterete così sedimenti e sporcizia che si depositano nel motore.
Il serbatoio del carburante va vuotato o riempito tutto per evitare la formazione di ruggine. Posizionate la vettura su 4 cavalletti per evitare che gli pneumatici si ovalizzino, oppure acquistate il supporto concavo da mettere sotto le ruote che aiuta a distribuire il peso e ad evitare deformazioni. Troppi pneumatici ho cambiato perché erano “quadrati”… Coprite l’auto con un telo che abbia l’interno morbido: in vendita ci sono quelli su misura col logo della vostra marca preferita. Fatto tutto questo “lavoro” (per me è un piacevole passatempo), dove conservate il vostro gioiello? La prima cosa da valutare è che il luogo sia asciutto e deumidificato. Ho visto auto “riesumate” dopo anni di abbandono con interni completamente marci a causa dell’umidità, per non parlare dei buchi di ruggine nella carrozzeria…
mi viene da piangere al pensiero. Appurato ciò, che ne dite se pensiamo anche a rendere “decoroso” il luogo dove la nostra “amata” riposa? Mi è capitato di far visita ad amici e di vedere auto splendide conservate in “topaie” luride, oppure in box stracolmi di “modernariato” (per dirla in modo elegante) con oggetti appoggiati sulla carrozzeria. Agghiacciante… So che non tutti hanno a disposizione garage di grandi dimensioni, ma l’ordine e la pulizia (lo ripeto spesso) non costano nulla. Se continuerete a seguirmi, può darsi che vi dia qualche  consiglio per rendere quantomeno gradevole questo “luogo di culto” che gli automobilisti senz’anima chiamano volgarmente “box”.
Un saluto appassionato.

 

donato benetti

Donato Benetti
info@dentrocasa.it

 

Salva

Salva

Salva

Articoli Simili