UN PREZIOSO SCRIGNO
UN PREZIOSO SCRIGNO

UN PREZIOSO SCRIGNO

La Fondazione ENAIP Lombardia, scuola regionale per la valorizzazione dei beni culturali a due passi da Brescia.

Nell’immagine: Esempio di restauro integrativo effettuato su di un antico arazzo francese.

Il nostro paese è sinonimo di arte e di storia, tanto da rappresentare uno dei maggiori patrimoni artistico culturali del mondo, con il maggior numero di beni dichiarati Patrimonio dell’Umanità. Sicuramente in un paese come il nostro, non è difficile imbattersi in opere d’arte e poter osservare quanto la genialità dell’uomo ha saputo creare nei secoli passati, tuttavia è emozionante scoprire una autentica Scuola nella quale allievi provenienti da tutta Italia, Grecia, Stati Uniti e persino Nuova Zelanda, si cimentano in reali miracoli di restauro, pazientemente seguiti da docenti di indiscussa esperienza e competenza. A due passi da Brescia, precisamente a Botticino, nel trecentesco ex Monastero della S.S. Trinità, esiste uno scrigno di arte e professionalità, un luogo dove si impara a restaurare e salvaguardare i capolavori, quelli veri. Parlo di fondazione ENAIP Lombardia, scuola regionale per la valorizzazione dei beni culturali. Maria Teresa Previdi, direttrice della Scuola ed Elisabetta Arrighetti coordinatrice dei corsi, sottolineano che la Scuola, Fondata nel 1974 da Enaip, mira da sempre alla cosiddetta didattica del compito reale, ponendo al centro dell’apprendimento l’intervento diretto sull’opera, superando la tradizionale divisione tra teoria e pratica. Due i percorsi di studio consolidati: uno quinquennale per il Restauratore di Beni culturali e uno triennale per il Tecnico di beni culturali. Da circa 10 anni collaboro con la Scuola, precisamente nel settore Arazzi e tessili antichi, tenendo il corso di storia e tecnica del tappeto orientale, un’esperienza questa, che continuo a vivere con immenso piacere. Dirige il settore la Professoressa Elisabetta Boanini fiorentina d.o.c., che presso la Scuola di Botticino ha supervisionato gli interventi di restauro di autentiche opere d’arte, dall’Arazzo de’ “La Visitazione” presso la Basilica di Santa Maria Maggiore di Bergamo, allo Stendardo della Mercanzia dei civici Musei di Brescia. La bellezza salverà il mondo? In un’epoca, fondamentalmente rapida e veloce, è gratificante trovare un luogo nel quale il tempo passa lentamente, sopraffatto dalla bellezza delle opere d’arte e dalla passione che muove chi di arte si occupa, dove i sogni dei giovani allievi, futuri professionisti, pare proprio che si possano realizzare.

 

arch. Jim Lo Coco

arch. Jim Lo Coco

Consulente Tecnico del Tribunale di Brescia nel settore tessile è docente di storia e tecnica del tappeto orientale presso la SCUOLA REGIONALE PER IL RESTAURO Enaip. È titolare della storica azienda di famiglia.

 

Ultime da Tappeti orientali

I TAPPETI DI LABORATORIO

Nell’immagine: splendido tappeto di antica manifattura iraniana realizzato in un laboratorio di Kerman. Osservarne la decorazione

I TAPPETI DI VILLAGGIO

Nell’immagine: Autentico Prepedil (perepedil) Caucaso – distretto di Kuba – metà XIX° secolo. Una autentica fusione

I TAPPETI NOMADI

I primi manufatti annodati videro la luce in seno ad ambito famigliare e nomade. Il tappeto