Tu sei qui
Home > DESIGN & INNOVAZIONE > Spazio design > IL CAVALLO A DONDOLO REINVENTATO CON WEWOOD

IL CAVALLO A DONDOLO REINVENTATO CON WEWOOD

WEWOOD DENTROCASA gennaio 2018

Giovanni Tomasini, designer e direttore creativo di Studio7B, presenta il progetto WeWood delle designer Arianna Moretti e Sara Marzi.

Entrambe under 30, entrambe laureate in Architettura, entrambe cresciute sulla sponda di un lago, l’una di Garda, l’altra d’Iseo. Arianna Moretti e Sara Marzi sono due progettiste che hanno avuto una brillante intuizione: reinterpretare il tradizionale cavallo a dondolo.

Molti designer e aziende ci hanno provato con risultati purtroppo discutibili e non portando alcun valore aggiunto a questo arcaico giocattolo che, da tempi immemori, arreda le camerette dei più piccoli. L’interessante riflessione del duo ha condotto alla conclusione che, in realtà, il cavalluccio è un passatempo perlopiù solitario.

Arianna Moretti e Sara Marzi
Arianna Moretti e Sara Marzi

Come fare quindi a rendere quest’oggetto condivisibile, senza stravolgerne l’iconografia e mantenendone una buona fattibilità e riproducibilità industriale? Questa la sfida che ha impegnato per settimane le menti delle due creative fino a che, da una tempesta di schizzi e brainstorming, è emerso “WeWood”. Wewood si presenta come un oggetto dalle forme morbide. La liscia superficie in legno al naturale gli conferisce un aspetto ancor più rassicurante e giocoso.

Caratteristica chiave è la possibilità di unirsi ad un altro identico, per formare un dondolo più grande e raddoppiare il divertimento: i bambini hanno così modo di interagire e condividere a pieno il momento del gioco. La connessione, resa possibile grazie ad un semplice e saldo incastro, assicura l’aggancio in modo veloce e reversibile, per adattarsi ad ogni esigenza. Inoltre, una volta passata l’età del gioco, WeWood, appeso ad una parete, diviene prodotto d’arredo su cui riporre libri e oggetti personali.

La cura per il dettaglio, la ricerca dei materiali e la particolare attenzione al mondo del bambino sono peculiarità del metodo progettuale di Arianna e Sara, che hanno optato per il legno curvato, secondo la precisa volontà di far entrare in contatto i più piccoli con un materiale estremamente naturale e sostenibile. Info e dettagli sul sito dello studio che le ragazze hanno da poco fondato: argo4.studio

 

tomasini

di Giovanni Tomasini

Studio7B – interior design, industrial design, web e consulenza in marketing & commerciale.
FabLab BRESCIA, via Pavoni, 7/B Brescia

studio7b.it

 

Articoli Simili