parigi dentroCASA agosto 216
parigi dentroCASA agosto 216

PARIGI E IL MERCATO DEL DESIGN

La capitale francese fa segnare grandi numeri nelle vendite all’asta del settore arredamento.

Nell’immagine: Ron Arad, Prototipo della Biblioteca Restless, 2007. Aggiudicata da Artcurial per € 266.500. ©Artcurial

“Parigi si conferma al primo posto per quanto riguarda il mercato del design”, parola di Emmanuel Berard. Il capo del dipartimento Design di Artcurial non ha dubbi: la Ville Lumière, con le sue tre più importanti maison aux enchères, è il regno dell’arredo. Lo prova il calendario ricco di appuntamenti: “Da Piasa, da febbraio a luglio sono state organizzate ben 9 vendite di design” – ha affermato Frédéric Chambre, vice-presidente associato e direttore generale della casa d’aste Piasa. Alla quantità si aggiunge la qualità e una grande varietà dell’offerta: “Design scandinavo, italiano, americano, collezioni private e focus su determinate correnti o periodi storici” – continua Chambre. Insomma Piasa non si fa mancare niente, neanche il design brasiliano che per la prima volta in Europa, a luglio, è andato all’asta protagonista di una vendita interamente dedicata alla produzione del Paese della samba. Sembra così che nonostante la crisi economica, il vessillo del design continui a sventolare trionfante sulla Tour Eiffel: è questo il responso di Tajan. “Le prime vendite dell’anno sono andate relativamente bene, malgrado la situazione economica complicata” – conferma Jean-Jacques Wattel, esperto di Tajan. E aggiunge: “La nostra casa d’aste ha registrato un incremento del fatturato pari al 27% negli ultimi 5 anni”. I risultati parlano chiaro e attestano un crescente interesse da parte dei collezionisti.
“Il mercato è sempre più selettivo, la clientela cerca oggetti rari, inediti, innovativi. Per questo bisogna sorprenderla con nuove proposte” – affermano gli esperti di Piasa rivelando la loro ricetta per il successo. E tra gli ingredienti non manca il design contemporaneo, settore a cui sempre più collezionisti prestano molta attenzione. “È un ramo che ha un potenziale enorme” – rimarca Wattel di Tajan e i risultati dell’asta di maggio di Artcurial ne danno atto con una sezione dell’asta interamente dedicata al contemporaneo, dove a trionfare è stato l’unico prototipo della libreria Restless di Ron Arad, battuta a 266.500 euro. E infine all’appello del contemporaneo risponde Piasa che non solo manda all’incanto lotti succulenti, ma offre anche i suoi spazi espositivi ai designer di oggi organizzando notevoli sell exhibition. Il settore è indubbiamente in crescita – attestano gli esperti – e tutto lascia sperare in un ulteriore rialzo dei prezzi, vivacizzato da sempre più accese lotte all’ultimo rilancio tra collezionisti di tutto il mondo. Già, collezionisti di tutto il mondo. Perché – dati alla mano – chi pensa che la piazza parigina sia provinciale si sbaglia di grosso.

Greta Beretta

di Greta Beretta
greta.beretta@virgilio.it

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Ultime da Design all'asta

INSEGUENDO MARC NEWSON

Accolto dalle maggiori case d’asta, la sua firma è oggi sinonimo di qualità. nell’immagine: Lot 13

LE CERAMICHE CINESI

Gli esperti di Christie’s spiegano il decalogo dedicato alla produzione orientale Da sinistra: meravigliosa coppia di