Tu sei qui
Home > LE NOSTRE CASE > HOTEL & RESORT > ESTETICA BERBERA

ESTETICA BERBERA

ESTETICA-BERBERA-ROYAL-PALM

L’eco-resort di Marrakech, incastonato nell’antico uliveto, è una combinazione berbera di libertà, spazio e art de vivre.

Ph. Fairmont Royal Palm Marrakesh – Testo Germana Cabrelle

 

Il futuro prossimo dell’hotellerie di lusso internazionale viaggia sempre più nella direzione della sostenibilità.

Ne è un esempio l’eco-resort Royal Palm, in Marocco, un’oasi berbera di pace e relax con annessa fattoria biologica ricavata nel 2013 in un paesaggio naturale incontaminato:

una pianura color terracotta che guarda le cime innevate dell’Atlante, a una dozzina di chilometri dalla vivace città berbera di Marrakech.

Lo sviluppo residenziale del complesso ricettivo ha puntato sulla bassa densità di ville, sfruttando al meglio i 222 ettari a disposizione, corrispondenti a un antico uliveto.

Il Royal Palm Marrakech è una struttura con forte vocazione per l’ecologia.

Gli alberi e le piante che lo circondano provengono, infatti, da un vicino vivaio e l’azienda agricola biologica interna alla struttura fornisce frutta e verdura per il consumo dell’hotel, compreso l’olio d’oliva spremuto a mano.

Inoltre tutti gli spazi verdi sono irrigati utilizzando acqua riciclata.

Architettonicamente le ville combinano un’estetica berbera tradizionale con uno schema di interni contemporaneo, immaginato per creare un flusso naturale tra l’interno e l’esterno, in modo da assicurare agli ospiti il maggiore comfort e uno stile di vita rilassato.

Inizialmente impostato dal rinomato Studio KO, l’hotel è stato poi sviluppato dall’architetto Jean-François Adam Architects e dallo Studio Polygone che hanno disegnato ville splendidamente eleganti con finiture di qualità, caratterizzate dalle ultime dotazioni ecologiche e high-tech.

Il design del resort è invece a firma di Marilin Spataro.

L’arredamento sontuoso e fiabesco mescola armoniosamente modernità e autenticità locale e il tratto puro e lineare coglie l’essenza della tradizione berbera.

Il blu orientale dell’illuminazione soffusa conferisce un senso di magia e calda accoglienza.

Tutte le camere presentano bagno privato e ampie zone soggiorno con porte scorrevoli che si aprono su prati e cortili ombreggiati.

Questa combinazione berbera di semplicità e grandezza, di vicino e lontano, di qui e altrove, emerge dall’armoniosa interazione tra l’architettura e il suo ambiente, aprendo a scenari da “Mille e una notte”…

 

BERBER AESTHETICS

 

The eco-resort of Marrakesh, set in the ancient olive grove, is a perfect combination of freedom, space and art de vivre.

Photography by Fairmont Royal Palm Marrakech – Written by Germana Cabrelle

 

The near future of the international luxury hotel industry moves more and more towards sustainability.

An example of this is the Fairmont Royal Palm eco-resort in Morocco.

This oasis of peace and relaxation is complemented by an organic farm created in 2013, surrounded by an unspoiled natural landscape:

a terracotta-coloured plain overlooking the snow-capped peaks of the Atlas Mountains, about twelve kilometres from the bustling city of Marrakesh.

The residential development of the accommodation focused on the low density of villas, making the most of the 222 hectares available, an ancient olive grove.

Fairmont Royal Palm Marrakech is a strongly environmentally-driven accommodation.

The trees and the plants that surround it come from a nearby nursery;

the organic farm inside the structure provides fruit and vegetables to meet the needs of the hotel, including hand-pressed olive oil.

Besides, all green areas are irrigated with recycled water.

From an architectural point of view, the villas combine the traditional Berber aesthetics with a contemporary interior arrangement, designed to create a natural flow between the inside and the outside, ensuring the guests a relaxed lifestyle and the highest level of comfort.

Initially set up by the renowned Studio KO, the hotel was then developed by architect Jean-François Adam – JFA Architects – and Studio Polygone, which designed beautifully elegant villas with exclusive finishing touches, and featuring the latest ecological and high-tech amenities.

The resort design is instead signed by Marilin Spataro. The luxurious and fairy-tale décor harmoniously combines modernity with local authenticity;

the pure and linear style captures the essence of the Moroccan tradition. The oriental blue of the soft lighting conveys a feeling of magic and warm welcome.

All rooms have en-suites and large living areas with sliding doors, opening onto shaded lawns and courtyards.

This perfect combination of simplicity and greatness, near and far, here and elsewhere, is the result of the harmonious interplay between architecture and environment, opening up to “One Thousand and One Nights” scenarios …

Articoli Simili