Tu sei qui
Home > DESIGN > Spazio design > IL TAVOLO “SENZA CONFINI” DI MATTEO PELLEGRINO

IL TAVOLO “SENZA CONFINI” DI MATTEO PELLEGRINO

PELLEGRINO

Giovanni Tomasini, designer e direttore creativo di Studio7B, presenta il progetto “Duty Free” del designer Matteo Pellegrino.

matteo_pellegrinoMatteo Pellegrino è un giovane designer originario di Lecce, laureatosi in Product Design al Politecnico di Milano, conseguendo poi anche una laurea magistrale in Interior Design.

Accanto ai propri progetti e autoproduzioni, opera come project manager e project developer per studi e aziende;

inoltre è passato “dall’altra parte della cattedra”, nel ruolo di docente, presso lo IED di Torino.

Una delle fasi che ha segnato il suo percorso è stata la collaborazione con Gaetano Pesce, iniziata durante lo studentato lavorando per “Fish Design” e proseguita fino nello studio di New York.

Duty Free è un tavolo in resina epossidica e schiuma poliuretanica che nasce da una particolare situazione ideologica e psicologica del designer, ovvero dal rifiuto di ogni qualsivoglia confine.

Concetto espresso attraverso la creazione di un oggetto iconico.matteo_pellegrino

“Qualche tempo fa ho realizzato due bandiere, USA e Cina, poi le ho tagliate in piccoli pezzi e il tavolo è quello che ne è venuto fuori.

Questo prodotto è per me la rappresentazione fisica che bellezza e valore derivano da miscele e contaminazioni, invece che da definizioni e confini”.

Così Matteo Pellegrino esprime il suo atto di denuncia verso il torbido e infruttuoso modus operandi dettato da autarchia e protezionismo.

Il suo tavolo è un oggetto di design oggi più che mai attuale, considerata la pandemia scatenata dal Covid-19 e la conseguente situazione di confinamento.

Il suo simbolismo, potente e polemico, ci impone di riflettere non solo sui muri innalzati dalle due “superpotenze”, ma anche dai nuovi confini, tracciati e valicati nell’odierna quotidianità.

Nel tavolo di Matteo si puó scorgere qualche stella, simbolo che ha abbandonato la rigida istituzionalità dei vessilli per fondersi in una composizione caleidoscopica dai colori sgargianti.matteo_pellegrino

Nelle sue opere è tangibile la volontà di sperimentazione e contaminazione tra materiali industriali e artigianali, interpretandone le caratteristiche uniche per creare qualcosa di inaspettato.

È proprio in questo limbo sperimentale che le tecniche di “Pensiero Creativo” non bastano più…

Quando la mente si combina ad azioni fisiche e sensoriali, attraverso materiali e oggetti senza una funzione ben definita, si pensa in modo divergente, il cosiddetto “Pensiero Pratico”.

Nonostante ciò Matteo Pellegrino è sempre influenzato dall’attualità, dai mutamenti sociali e dall’arte che va a declinare in settori trasversali, quali il design di prodotto, la moda e l’interior design.

matteopellegrino.com

matteo@matteopellegrino.com

tomasini

di Giovanni Tomasini

Studio7B – interior design, industrial design, web e consulenza in marketing & commerciale.
FabLab BRESCIA, via Pavoni, 7/B Brescia

studio7b.it

Articoli Simili