Tu sei qui
Home > CASA & NEWS > Psicologia dell'abitare > LA SINDROME DELL’EDIFICIO MALATO

LA SINDROME DELL’EDIFICIO MALATO

EDIFICIO-MALATO

Risanare un edificio per preservare il benessere

Come e quanto ci influenza l’edificio in cui viviamo o lavoriamo?

Più di quanto possiamo pensare. La casa o l’ufficio possono infatti contribuire a renderci più felici, appagati e addirittura meno stressati.

Sappiamo dalle ricerche che alcuni ambienti favoriscono idee più creative: per esempio le stanze con i soffitti più alti.

O che la vista della natura migliora il decorso post-operatorio dei pazienti sottoposti a interventi chirurgici.

Ma cosa succede quando ci troviamo a frequentare ambienti poco salubri che in fase di progettazione non sono stati adeguati agli standard per la salute e per il benessere?

La Sindrome dell’edificio malato (Sick Building Syndrome – SBS) indica un quadro sintomatologico ben definito:

si manifesta in occupanti di edifici dotati di impianti di ventilazione meccanica e di condizionamento d’aria globale e adibiti a uffici, scuole, ospedali, case per anziani, abitazioni civili.

Le manifestazioni cliniche della SBS sono aspecifiche:

insorgono dopo alcune ore di permanenza e si risolvono in genere rapidamente, nel corso di qualche ora o di qualche giorno (nel caso dei sintomi cutanei) dopo l’uscita dall’edificio.

Sebbene i sintomi siano di modesta entità, i casi di SBS in ambienti lavorativi possono avere un costo più elevato di prognosi peggiori, a causa del calo della produttività.

I sintomi più diffusi possono essere:

mal di testa, affaticamento, difficoltà di concentrazione, irritazioni alle mucose.

Mentre le cause possono essere diverse come inquinamento indoor in correlazione con condizione microclimatiche interne, illuminazione e rumore.

Numerosi studi, inoltre, correlano la patologia con le condizioni psicologiche individuali, come stress, scarsa soddisfazione lavorativa.

I dati ufficiali dell’OMS indicano che circa il 20% della popolazione occidentale è colpita dalla tale sindrome e anche numerosi studi americani riportano dati in tal senso.

Il National Institute of Occupational Safety and Health ha rilevato come il 50% di assenze per malattia fosse dovuto proprio alla qualità dell’aria interna.

Questo, ha portato ad ovvie e significative ripercussioni sul piano dei costi sociali e sul benessere psicologico delle persone.

Gli edifici sostenibili, luminosi, in armonia con l’ambiente circostante e con modelli innovativi di verde e di ventilazione ci fanno bene.

L’edificio malato può stancare e scaricare.

Polvere e allergeni dovuti alla ventilazione limitata, odori, mancanza di finestre, presenza di materiali sintetici, scarsa illuminazione, rumori invadenti…

questi sono tutti elementi negativi per la nostra salute e il nostro benessere psicofisico.

Se risaniamo gli ambienti facciamo stare bene noi stessi e la nostra salute fisica e mentale.

Dott. Fabiana Faustini – psicologa

fabianafaustini.com

Articoli Simili