Tu sei qui
Home > LE NOSTRE CASE > L’ELEGANZA NEL GRIGIO

L’ELEGANZA NEL GRIGIO

l'eleganza nel grigio

A pochi passi dalla torre del Bramante, in Piazza Ducale a Vigevano, un inedito appartamento contraddistinto da un disegno dinamico ed elegante.

progettazione e architettura d’interni arch. andrea rubini – ph betty colombo – testo antonella tundo

 

House#01 è il primo progetto d’interni del giovane architetto Andrea Rubini: è la ristrutturazione di un appartamento all’interno di un edificio degli anni cinquanta, a Vigevano, a pochi passi dalla piazza Ducale. Un progetto speciale, perché questa è casa sua e qui si è unita dunque la sua professione di architetto col ruolo di esigente committente, unitamente alle necessità della moglie. L’appartamento si sviluppa in ottanta metri quadrati dove dialogano, in perfetta armonia, culture differenti: si legge un evidente amore per il design di A.G. Fronzoni (grafiche ed arredi) e per Jean Prouvé; non mancano anche accenni alle origini finlandesi della moglie, evidentemente amante del design nordico. Il risultato è un mix di contemporaneità legata anche alla loro età anagrafica, che si affianca ad elementi ripresi dagli anni Cinquanta e Sessanta che appartengono invece all’anagrafica dell’edifico. L’unione di tutti questi singoli elementi rappresenta il contrappunto storico che genera l’idea di base del progetto e lo fa vibrare. Le esigenze iniziali che hanno dato vita al concept si palesano ora in un grande living studio, ricavato unendo due camere e una piccola cucina con il pranzo separato. Il soggiorno si apre d’estate sulle chiome degli alberi di un parco privato, mentre d’inverno, quando gli alberi sono spogli, si apre sulla Torre del Bramante di Piazza Ducale. L’idea che ha generato tutto è molto semplice. Un parquet di rovere per il pavimento a correre e l’uso di tinte grigie scure a parete ha permesso l’azzeramento dei locali, con lo scopo di rendere protagonisti i pezzi di design. Il bagno e la cucina si differenziano e sono caratterizzati dal contrasto tra superfici nere e bianche. I nuovi serramenti riprendono il disegno tripartito caratteristico degli anni Cinquanta, mentre le porte interne, a filo muro dello stesso colore delle pareti con il battiscopa applicato, si mimetizzano scomparendo. L’essenza di rovere, le superfici bianche e nere sono gli elementi che contraddistinguono il progetto ricomponendosi in un’immagine globale apparentemente semplice, ma che riflette le molte attenzioni alla piccola scala, ai dettagli che si svelano lentamente mentre si osserva l’armonia dell’insieme.

Articoli Simili