Anno-del-coniglio-Febbraio-23

2023 L’ANNO DEL CONIGLIO

17/02/2023

Il coniglio arriva dalla luna…? Dalla luna? Sì, stranamente sì. È proprio così e come mai?
 
Un antico racconto cinese narra che il coniglio di giada, simbolo di bellezza, eleganza, intelligenza e pietà, viveva sulla luna accanto alla sua dea. Era proprio lui che, vegliando su di lei, portava sulla terra questi poteri e talenti agli esseri umani, trasmettendo la meraviglia.

Il coniglio, tesoriere di antichi segreti, ci accompagna nella femminilità più archetipale, in un anno di risveglio di anime antiche, nel sogno e nella conoscenza della dea Luna.

Alziamo questo velo, e seguiamo il coniglio, scopriremo che la sua tana è molto più profonda di quanto sembri…. (Gio Bressana).

L’ultimo anno cinese del Coniglio è stato il 2011. Così come 1915, 1927, 1939, 1951, 1963, 1975, 1987 e 1999 anche il 2023 è un anno del Coniglio! Se tra questi c’è il vostro anno di nascita, allora il vostro segno zodiacale cinese è proprio il Coniglio.

I nati nell’anno del Coniglio tendono a essere persone gentili, calme, eleganti, pazienti e particolarmente responsabili, tutte qualità che li rendono molto piacevoli. Tra le altre caratteristiche spiccano anche manualità, rapidità e tendenza ad essere molto vigili.

Dall’altro lato però sono spesso superficiali, testardi, malinconici e fin troppo prudenti e riservati. Le persone nate nel segno del Coniglio sono molto metodiche, soprattutto quando si tratta di risolvere problemi.

Hanno lo stesso atteggiamento anche davanti alle difficoltà, non si perdono mai d’animo e insistono fino a quando non trovano una soluzione. Questa caratteristica è la chiave del loro successo.

KARMAN

WOW!

Sorprendente ed insolita. È l’ironica lampada a sospensione disegnata da Matteo Ugolini. Dal cilindro di Wow! esce un bianco coniglietto, perché è proprio “Wow!” che si esclama di fronte ad un gioco di prestigio. Il diffusore a forma di cilindro è in lino bianco, mentre il coniglio Silvan, pronto a saltar fuori dal cappello, è in ceramica bianca opaca.

ÉLITIS

LES PETITES HISTOIRES

Anno-del-coniglio-Febbraio-23
Collezione di carte da parati Élitis ispirate all’arte delle miniature indiane, rappresentazioni variopinte e stilizzate di momenti della quotidianità. In queste “gite in miniatura” si va a caccia di dettagli nella moltitudine di piante e fiori in stile “British” e anni ‘70: i paesaggi bucolici rivelano tesori da trovare durante una passeggiata nella natura. Sono realizzate con la collaborazione di Marie Papillaud e Vincent Gevin.

NISHURAEAST

SMALL PORCELAIN RABBIT CUP

Anno-del-coniglio_Febbraio-23
Un coniglio siede sul lato di questa piccola tazza di porcellana che ricorda un bicchiere di plastica usa e getta. Questo pezzo fa parte della collezione principale “Usar y no tirar” (usa e non buttare via) di Yukiko Kitahara, un’artista giapponese che opera a Siviglia. I pezzi sono progettati per imitare oggetti monouso, come bicchieri di plastica, cartoni del latte e vassoi di carta, ai quali vengono aggiunti elementi artistici e decorativi, mescolando oggetti artificiali e naturali. La collezione ci invita a riflettere sugli oggetti usa e getta e Yukiko spera di ispirare un cambiamento nelle abitudini dei consumatori.

QEEBOO

RABBIT CHAIR

Il designer Stefano Giovannoni è conosciuto per la sua intraprendenza nella ricerca di nuove forme per realizzare progetti di arredo e di design, in grado di unire la comodità alla qualità. La Rabbit Chair è sicuramente una delle sue creazioni più celebri, che prende ispirazione proprio dall’animaletto simbolo di amore, fertilità e dolcezza. A questa sedia, in versione grande, viene riconosciuta la simpatia ma soprattutto l’estrema comodità garantita dalla seduta organica che prende origine proprio dalla fisionomia del piccolo animale e dall’originale ma efficace schienale realizzato utilizzando le grandi e tondeggianti orecchie.

SAINT-LOUIS

FERMACARTE CONIGLIO

Anno-del-coniglio_Febbraio-23
In occasione del capodanno cinese, Saint-Louis celebra l’anno del Coniglio con un nuovo fermacarte disponibile in due versioni, con e senza decorazione in oro. La leggenda narra che l’Imperatore di Giada organizzò una corsa per assegnare agli animali un posto all’interno dello zodiaco. Il coniglio, un animale veloce, intelligente e pieno di risorse, utilizzando le pietre della riva e un tronco galleggiate, attraversò il fiume e si guadagnò il quarto posto nella gara, accedendo così alla Porta Celeste. Il coniglio è un animale amichevole, leale e intelligente. Simbolicamente, rappresenta la longevità, nonché il rinnovamento della vita e della primavera.

SLIDE

BUNNY

Dall’estro creativo del grande artista giapponese Aki Kuroda, in collaborazione con la galleria Yoyo Maeght, nascono le sculture Bunny e Cosmo Bunny. La silhouette inconfondibile prevede grandi orecchie e sguardo stralunato per riempire gli ambienti con il suo carisma. La versione più piccola, Bunny, e la versione grande, Cosmo Bunny, sono la sintesi perfetta tra la scultura artistica e la produzione industriale. Sono creati in polietilene attraverso lo stampaggio rotazionale. Dimensioni: Bunny: 29×22 h60 cm. Cosmo Bunny: 88×65 h185 cm.

Rita Baiguera

Rita Baiguera

Managing Director

Argomenti

Seguici su

Ultime da DC Glam

5vie-design-week-2024

5VIE DESIGN WEEK 2024

“Unlimited Design Orchestra” Anche quest’anno in occasione del Salone del Mobile dal 15 al 21 aprile saranno numerose le iniziative e le
porn-o-chic

PORN (O) CHIC?

Alla Milano Design Week Maria Vittoria Paggini invita a scoprire con naturalezza e curiosità la giocosa irriverenza del progetto “L’interior si sveste”.
palazzo-delle-meraviglie

PALAZZO DELLE MERAVIGLIE

La casa di Alessandro Manzoni si trasforma in un emozionante percorso di design nello scenario del Fuorisalone 2024. All’interno del calendario di
addio-a-gaetano-pesce

ADDIO A GAETANO PESCE

Gaetano Pesce è stato uno dei maggiori esponenti del design italiano Si è spento ad 84 anni il designer e scultore italiano
nilufar-marzo-24

NILUFAR IN MESSICO

NILUFAR PRESENTA LA SUA OPEN EDITION IN MESSICO, IN COLLABORAZIONE CON STUDIO 84. In occasione della fiera d’arte contemporanea Zona Maco México
Vai a

Don't Miss