La-cameretta-a-misura-di-bambino-Fabiana-Faustini-Psicologia-abitare

LA CAMERETTA A MISURA DI BAMBINO

Come arredare lo spazio cameretta per i più piccoli secondo il metodo Montessori

Poltroncine, tavolini, piccole mensole per i libri, lettini bassi…

Nella cameretta montessoriana tutto è studiato al dettaglio ed è alla portata dei più piccini perché l’idea di fondo è che i bambini si possano muovere liberamente all’interno del loro piccolo regno per esplorare e vivere in autonomia ogni angolo.

Secondo il metodo Montessori, infatti, i mobili li aiutano a crescere e ogni elemento d’arredo è pensato affinché i più piccoli possano accedervi liberamente e in totale sicurezza, senza chiedere l’aiuto degli adulti per i gesti quotidiani. Si tratta di progettare uno spazio cameretta dove ogni oggetto è alla portata delle loro manine, pronto per essere scoperto e trasformato. Non serve una stanza ampia, anche camerette di piccole dimensioni possono ospitare il necessario o ispirarsi al metodo per arredare.

Se si dispone di molto spazio, invece, è possibile realizzare delle aree tematiche, ad esempio la zona notte, la zona gioco e la zona lettura. Più in generale, è importante creare una cameretta rilassante e confortevole, magari utilizzando colori tenui e chiari, toni pastello e materiali lavabili o naturali come legno, cotone e lino.

Per quanto riguarda la zona notte, il lettino della cameretta montessoriana rovescia completamente la situazione dei soliti letti per bambini con le sbarre: infatti è basso e senza protezioni affinché il bimbo possa salire e scendere da solo quando e come vuole, oltre a permettergli di riordinarlo ogni mattina.

Inoltre, la cameretta montessoriana non prevede un vero e proprio armadio, bensì supporti a parete posizionati alla giusta altezza o piccole cassettiere dove i bambini possano riporre i propri abiti senza sforzi. Divertiti a guardarli scegliere abbinamenti e colori diversi ogni giorno: probabilmente non saranno azzeccatissimi, ma scoprirai le loro preferenze e quanto possano essere bravi a svolgere un’attività che non sempre viene loro concessa…

La cameretta montessoriana, inoltre, non è fatta solo per dormire, ma anche per divertirsi e per apprendere. La zona lettura prevede piccole mensole o una libreria dove i libri sono a portata di bambino e possono essere presi e sfogliati liberamente. Un morbido tappeto su cui stendersi e rotolarsi oppure piccole poltroncine e tavolini lo possono inoltre aiutare ad avere uno spazio per mettersi a leggere o colorare.

Stesse regole per la zona gioco: il metodo Montessori suggerisce di tenere i giocattoli bene in vista e ordinati su ripiani alla giusta altezza oppure all’interno di ceste o sacchi. In questo modo i bambini possono comprendere che ogni cosa ha la sua collocazione e avere tutto il necessario a portata di mano. Naturalmente è importante non esagerare con gli stimoli e selezionare pochi oggetti, semplici, magari di uso comune, per non confondere e lasciare il tempo di esplorare tutto senza distrazioni.

Allora lasciati ispirare dal metodo Montessori per arredare una cameretta che incentivi l’esplorazione e che possa aiutare il tuo bambino a conquistare qualche piccola autonomia.

Dott.ssa Fabiana Faustini

Dott.ssa Fabiana Faustini

Psicologa e psicoterapeuta

Ultime da Psicologia dell'abitare

AROMATERAPIA

Profuma la tua casa per favorire il benessere abitativo Profumare gli spazi attraverso l’aromaterapia è utile

AMBIENTE E BENESSERE

Utilizzare l’ambiente per soddisfare i desideri e promuovere la tua salute. È possibile servirsi dello spazio

SMART HOME

La casa smart che migliora il benessere abitativo Abitare è prima di tutto un’esperienza, ed è