7B-StudioNotte-Fil-Rouge
mod. Minas

FIL ROUGE: L’ARTE DI CUCIRE IL METALLO

Giovanni Tomasini, designer e direttore creativo di Studio7B, presenta“Fil rouge”, uno degli ultimi progetti di StudioNotte. 

Luisa Alpeggiani e Camila Campos sono due giovani Product Designer formatesi al Politecnico di Milano. Proprio in questa città, nel 2019, fanno confluire le loro energie e i loro intenti, fondando StudioNotte, realtà creativa che, intrecciando la cultura italiana a quella brasiliana, si rivela fin da subito un binomio vincente come recita il loro motto: “Italian heart. Brazilian soul”.

Competenze complementari ma anche tanti punti di connessione fra Luisa e Camila, dedite alla sperimentazione di materiali e tecnologie produttive, sempre coinvolte in una costante ricerca che le porta spesso ad avvicinarsi in prima persona, alla filiera produttiva.

7B-StudioNotte_Fil-Rouge
Luisa Alpeggiani e Camila Campos.

Il duo si distingue partecipando ad eventi di rilievo nel mondo del design, come EDIT Napoli nel 2020 e 2021 e l’ultima edizione del Salone Satellite.

L’ultima delle collezioni sviluppate da StudioNotte si intitola “Fil rouge” e riflette sul senso di connessione sia fisica che metaforica tra entità separate.

Il concept progettuale di “Fil rouge” si concretizza in oggetti composti da lastre metalliche, cucite come fossero tessuto, con l’esplicita volontà di sovvertire le regole tornando all’essenziale.

Il materiale di base, freddo e rigido, è trattato in maniera rigorosa e ritmica, attraverso numerosi fori e pieghe. Lo attraversa un cordino colorato a contrasto che evidenzia e risalta le cuciture: da qui il concetto di “fil rouge” che collega i diversi progetti, Minas e Lina.

7B-StudioNotte-Fil-Rouge
mod. Lina

Lina è un complemento estremamente versatile. Può essere un tavolino così come uno sgabello, oppure, impilato modularmente, crea una libreria freestanding dal sapore miminal; è il suo utilizzatore che, assemblando e disassemblando, giocando con le corde che uniscono le parti, ne definisce la funzione primaria.

Le forme rigide e puramente funzionali sono ispirate al pensiero paulista, una sottocorrente del brutalismo brasiliano, ponendosi in netta contrapposizione con lo spirito fluido di Lina.

7B-StudioNotte_Fil-Rouge
mod. Lina, particolare

Minas si compone invece di tre diversi oggetti coordinati, un vassoio e due vasi centrotavola. I fogli d’acciaio, trattati come il tessuto di un abito, vengono sagomati, piegati e cuciti radialmente, passando da una forma bidimensionale ad una tridimensionale.

I volumi che ne scaturiscono rimandano all’eleganza senza tempo di gonne, corsetti e gorgiere. Un altro punto cardine della collezione “Fil rouge” è senz’altro l’assenza di saldature: l’aver ripensato la giunzione attraverso un elemento morbido e colorato come la corda, mitiga la schiettezza della lastra metallica nuda creando una piacevole dicotomia materica.

7B-StudioNotte-Fil-Rouge
mod. Minas, particolare

Questi, come molti dei lavori firmati da StudioNotte, sono progetti che mirano ad instaurare un dialogo con il fruitore, con lo scopo di suscitare divertimento, fascinazione e sorpresa.

Il tutto senza però rinunciare alla funzionalità e alla fattibilità degli oggetti, che rimangono a tutti gli effetti raffinate opere di design industriale, producibili in serie limitate, dall’esclusivo valore artigianale, ma adatte anche alla produzione in serie.

studionotte.design

7B-StudioNotte_Fil-Rouge
mod. Lina
Giovanni Tomasini - Studio 7B

Giovanni Tomasini - Studio 7B

Interior design, industrial design, web e consulenza in marketing & commerciale. - FabLab Brescia, via Pavoni, 7/B Brescia

Ultime da Spazio design