Tu sei qui
Home > DESIGN > Design all'asta > RENÉ BUTHAUD ALL’ASTA DA CHRISTIE’S

RENÉ BUTHAUD ALL’ASTA DA CHRISTIE’S

René Buthaud - DENTROCASA novembre 2018

Il prestigioso ceramista francese Art Déco in catalogo con altri nomi di primo piano.

nell’immagine: René Buthaud (1886-1986) Vaso, 1931 grès smaltato, H 37 x D 22 cm – Firmato RB sul retro – Stima: € 20.000/25.000. • Claude Lalanne (nato nel 1925) Poltrona ‘Crocodile’, modello creato nel 2014, esemplare realizzato nel 2016 Bronzo, rame galvanizzato e pelle, H 87 x l 77 x P 59,5 cm – Stima: €300.000/500.000 – Lotto accompagnato da certificato di autentica firmato da Claude Lalanne e datato 2016.  

Immaginate Parigi. Immaginatela negli anni ’20, nel pieno del suo splendore e della sua rinascita culturale ed economica. È l’alba al termine della Grande Guerra. L’inferno delle trincee è alle spalle, si sogna la pace e la joie de vivre.

Le irriverenti note del Jazz risuonano nelle vie della città, più che mai cosmopolita e mondana; sono gli anni di Coco Chanel e della rivoluzione della moda, gli anni di quei caffè, di quei teatri, di quelle gallerie d’arte che attraggono artisti, personalità della musica, dello spettacolo e della cultura da tutto il mondo.

Ernest Hemingway, Francis Scott Fitzgerald, Pablo Picasso, George Braque, Ezra Pound e molti altri popolano il prestigiosissimo salotto di Gertrude Stein affollato di opere d’arte d’avanguadia, discutendo di arte e di letteratura. È questo lo scenario in cui muove i primi passi René Buthaud, oggi considerato uno dei più importanti ceramisti francesi Art Déco.

Classe 1886, Buthaud si forma all’École des Beaux Arts di Bordeaux e successivamente di Parigi, dove studia pittura e incisione. Nel 1914 la vincita del Prix de Rome per le sue incisioni segna l’inizio della sua carriera, messa in pausa poco dopo dal conflitto mondiale.

Tornato dalla guerra, quattro anni più tardi, inizia ad interessarsi ad altre discipline e tecniche, come la fabbricazione del vetro e della ceramica, scegliendo poi di focalizzarsi sulle ceramiche decorate a smalto, preparate nella fornace da lui stesso costruita. È qui che sboccia il suo talento: ogni suo disegno si trasforma in un oggetto segnando un vero e proprio rinnovamento nel settore della ceramica.

Sperimenta composizioni geometriche che andranno a sostituire i modelli vegetali dei primi anni e compaiono le prime figure femminili nude che, adagiate, seguono le forme sinuose dei suoi vasi e che dagli anni ’40 in poi diventeranno il suo soggetto prediletto. Donne idealizzate, dee mitologiche, odalische.

A questo filone appartiene il vaso datato 1931, in grès smaltato, all’asta da Christie’s il prossimo 14 novembre a Parigi per 20-25 mila euro. Siglato sul retro RB, il vaso raffigura una donna nuda, colta nell’attimo di annusare il fogliame che la incornicia. Accanto a René Buthaud, l’asta parigina di questo autunno vedrà protagonisti tra i top lot Rembrandt Bugatti con il suo “Léopard au repos, ville de Paris”, un piccolo modello di leopardo in bronzo patinato, realizzato intorno al 1911, all’incanto per 400-600 mila euro.

E Claude Lalanne, la cui poltrona “Cocodrile”, in bronzo, rame galvanizzato e pelle, realizzata nel 2016 da un disegno del 2014, sarà battuta per 300-500 mila euro. Ma le offerte non finiscono qui: basta sfogliare il catalogo di Christie’s (disponibile anche online) per scoprire altre occasioni imperdibili.

 

 

Greta Beretta

di Greta Beretta
greta.beretta@virgilio.it

 

 

 

Articoli Simili