Tu sei qui
Home > LE NOSTRE CASE > RINNOVATA ART NOUVEAU

RINNOVATA ART NOUVEAU

RINNOVATA ART NOUVEAU

Nel panorama pittoresco dei Ronchi l’ex villa del Podestà rivive un moderno autentico splendore.

progettazione edile e interior design arch. emanuele vergine • testo alessandra ferrari • ph eros mauroner

 

Da un frammento di storia, questa testimonianza architettonica si rinnova con un’enfasi straordinaria che trae dal passato lo spunto per plasmare il futuro, tornando nuovamente all’avanguardia. L’impianto è classico e lo stile sorprendentemente contemporaneo.

Con un’anima nuova, questa villa Liberty edificata nel 1930 per ospitare il Podestà è oggi una residenza privata, splendidamente rinata grazie all’intervento dell’architetto Emanuele Vergine che racconta: “Ogni progetto su cui lavoro, deve suscitare quella sensazione di unicità legata all’incontro con qualcosa di esclusivo e all’emozione di sentirsi speciale; mi piace cambiare il modo di concepire lo spazio, offrendo prima di tutto una nuova relazione tra persona e ambiente”.

L’approccio progettuale si focalizza sempre sulla centralità del committente e sulle sue esigenze; ogni dettaglio è personalizzato e raggiunto tramite un sartoriale intervento che fa di stile, bellezza e confort un plus.

In questo intervento, in collaborazione con il team del suo studio di progettazione, ha ricreato la sua prospettiva di rivisitazione del classico. Un intervento importante e sensibile considerato che la villa, situata nella zona pedecollinare dei Ronchi, con il tempo era fortemente decaduta.

“Il progetto edile e di design interno – ci dice l’architetto Vergine – ha voluto valorizzare le generose dimensioni e le altezze, creando un controsoffitto che viene sempre allontanato dai muri perimetrali degli ambienti interni, per rendere ancora percepibile l’altezza originaria.

Tale ribassamento ridistribuisce la proporzione visiva degli ambienti agli ospiti che la possono visitare. “Suggestive risultano le feritoie che nascondono al loro interno l’illuminazione indiretta, dilatando l’effetto ottico del controsoffitto sganciato dalle murature.

Mantenendo le proporzioni degli ambienti che caratterizzano la villa Liberty, sono state create due grandi aperture a tutta altezza che conducono alla cucina, alla sala da pranzo e all’incantevole torre storica; questi grandi vuoti hanno aperture richiudibili, rese invisibili mediante porte scorrevoli filo muro, customizzate e celate.

Centrato in pieno l’obiettivo di reinterpretare in chiave moderna lo stile e la filosofia dell’Art Nouveau: ovunque si volga lo sguardo, raffinatezza e carattere fanno da portavoce ad un mood estremamente chiaro e sincero, dove ogni stilema classico è stato riprogettato tenendo conto delle proporzioni originarie. Inoltre la reinterpretazione in chiave moderna del design interno è perfettamente in stile con la villa Liberty, senza mai s-cadere nel tipico effetto nostalgia.

chi: Arch. Emanuele Vergine
progettazione edile e interior design
via Malta 7/C c/o Torre Kennedy Brescia • tel 030 5232032
info@emanuelevergine.it • emanuelevergine.it

  • STAFFONI ARREDAMENTI – Fornitura arredo – via Triumplina, 78 Brescia • staffoniarredamenti.it
  • GARBELLINI F.LLI TINTEGGIATURE – Tinteggiatura effetto boiserie – via Aldo Moro 22 Travagliato Bs • tinteggiaturegarbellini.it
  • TEMPINI 1921 – via dei Santi 149 Castenedolo Bs – Borgo Wuhrer 127, Brescia – via Galileo Galilei 47 Cinisello Balsamo Mi • tempini1921.it
  • IDROSANITARIA F.LLI MINELLI – via Massimiliano Kolbe, 10 Bornato di Cazzago San Martino Bs • idrosanitariaminelli.it
  • AVE S.p.A. – via Mazzini, 75 Rezzato Bs • ave.it
  • GV DOMOTIC SERVICE – via Beccalossi, 28/a Leno Bs • gvdomoticservice@gmail.com



Renovated Art Nouveau

In the scenic view of the Ronchi hills, the Podestà’s former house re-experiences a modern and authentic splendour.

Building design and interior design by architect Emanuele Vergine • Text written by Alessandra Ferrari • Photography by Eros Mauroner

From a fragment of history, this architectural proof reinvents itself with an extraordinary emphasis that takes the cue to shape the future from the past, one more time on the cutting edge.

The installation is classic and the style is surprisingly contemporary. With a brand new soul, this Art Nouveau house – a villa built in 1930 to accommodate the Podestà – is nowadays a private residence, magnificently revived by the intervention of architect Emanuele Vergine who – in partnership with the team working for his design studio – recreated his perspective to reassess that classic style.

An important and delicate measure since the villa – lying at the foot of the Ronchi hills – had strongly deteriorated over time.

“The building and interior design projects – architect Vergine states – wanted to enhance generous dimensions and heights by creating a false ceiling, always distanced from the indoor perimeter walls to make the original height even more noticeable.

This lowering redistributes the visual proportion of spaces to all guests that can visit it. Slits – hiding internally the indirect lighting – are very evocative; they expand the optical effect of the false ceiling, unfastened to the stonework.

The two full-height openings leading to the kitchen, dining room and to the enchanting historical tower have been created while maintaining the ratio between all environments which distinguish this Art Nouveau villa; these large voids have openings that can be shut, they are invisible thanks to flush sliding doors nearby the wall, customized and hidden.

Target accomplished: reenacting the style and the philosophy of Art Nouveau in a modern way; wherever you look, sophistication and attitude perform as the spokespeople for an extremely straightforward and clear mood where every classic stylistic feature has been redesigned by taking account of the original dimensions.

Furthermore, the reinterpretation of the interior design in a modern way perfectly matches the Art Nouveau villa, without ever going down in that typical nostalgic effect.

Articoli Simili