TAPPETI DI PRODUZIONE MECCANICA
Dritto e rovescio di un tappeto “fatto a macchina”

TAPPETI DI PRODUZIONE MECCANICA

Non si può paragonare un’ora, tempo stimato per realizzare meccanicamente un tappeto di 12 metri quadrati, con l’anno necessario in ambito manuale.

Figli di una produzione assai efficiente e caratterizzati da prezzi invitanti, i tappeti di produzione meccanica si affacciano sul mercato odierno con forti ambizioni. Ma qualità ed originalità sono veramente aspetti secondari nella scelta di un prodotto? I tappeti tessuti da telai meccanici si distinguono per grande versatilità, sono sensibilmente più economici rispetto a quelli annodati a mano, ma oggettivamente meno pregiati; non possiedono alcun significato artistico né valore per i collezionisti. La loro decorazione è creata a computer con una infinita combinazione cromatica e dimensionale. Provengono da Italia, Belgio, Egitto ed alcuni paesi dell’est europeo. Il tappeto “fatto a macchina” non possiede naturalmente un’origine millenaria; nasce in Europa nei primi anni del 1900, raggiungendo il picco di vendite negli anni ’70; è caratterizzato da elevata standardizzazione, con finiture che lasciano ben poco spazio a creatività ed istinto e dimensioni precise al millimetro.

TAPPETI DI PRODUZIONE MECCANICA
Dritto e rovescio di un tappeto “fatto a macchina” in cui spicca l’elevata regolarità dei filati.
TAPPETI DI PRODUZIONE MECCANICA
Moderno telaio meccanico per la realizzazione di tappeti di grande formato. www.daburns.com

Dai primi anni ’80, il crescente interesse verso il tappeto orientale da parte di una clientela sempre esigente e preparata, ne limitò l’ulteriore diffusione quantomeno in ambito residenziale. Da alcuni anni, sulla scia delle nuove tendenze stilistiche dei tappeti contemporanei annodati a mano, sono rifiorite produzioni di tappeti meccanici localizzate in numerose realtà produttive. Si tratta di fisiologici ricorsi storici, ma una sostanziosa fetta della nuova clientela, seppur soddisfatta dai parametri estetici, non viene informata sulle caratteristiche tecniche del prodotto. I tappeti di produzione meccanica sono realizzati sostanzialmente inserendo in un enorme telaio meccanico numerosissimi rocchetti di filo; successivamente il telaio realizza rapidamente il tappeto secondo colori ed elementi decorativi prestabiliti e codificati. Non esistono tempi morti o ripensamenti. I tappeti vengono successivamente bordati e spesso dotati di frange, cucite sui lati corti, assai differenti da quelle dei tappeti annodati che fanno parte della medesima struttura. Ricordate… se classificare un tappeto appare impresa ardua, leggerne le caratteristiche comporta unicamente spirito d’osservazione e un pizzico di fantasia.

arch. Jim Lo Coco

arch. Jim Lo Coco

Consulente Tecnico del Tribunale di Brescia nel settore tessile è docente di storia e tecnica del tappeto orientale presso la SCUOLA REGIONALE PER IL RESTAURO Enaip. È titolare della storica azienda di famiglia.

 

Ultime da Tappeti orientali

I TAPPETI DI LABORATORIO

Nell’immagine: splendido tappeto di antica manifattura iraniana realizzato in un laboratorio di Kerman. Osservarne la decorazione

I TAPPETI DI VILLAGGIO

Nell’immagine: Autentico Prepedil (perepedil) Caucaso – distretto di Kuba – metà XIX° secolo. Una autentica fusione

I TAPPETI NOMADI

I primi manufatti annodati videro la luce in seno ad ambito famigliare e nomade. Il tappeto