aldo-fallai-gen-24

ALDO FALLAI per Giorgio Armani | 1977 – 2021

05/01/2024

ARMANI/SILOS INAUGURA LA NUOVA MOSTRA

Il sodalizio artistico tra Aldo Fallai e Giorgio Armani viene celebrato in una mostra fotografica, inaugurata lo scorso 4 dicembre e visitabile fino all’11 agosto presso l’Armani/Silos, curata dallo stilista, dalla sorella Rosanna, suo braccio destro nella direzione creativa del marchio, e da Leo Dell’Orco, da sempre a fianco di Giorgio Armani.

aldo-fallai-gen-24
Emporio Armani FW 1994 | Photo credit Aldo Fallai

Quasi trent’anni di collaborazione ininterrotta, iniziata a metà degli anni Settanta e proseguita fino agli inizi degli anni Duemila per poi riprendere in anni recenti. Al loro primo incontro Giorgio Armani era un giovane stilista non ancora investito della fama raggiunta con American Gigolò, ed Aldo Fallai un giovane grafico diplomato all’Istituto d’Arte di Firenze con una propensione per la fotografia.

aldo-fallai-gen-24
Giorgio Armani, Rosanna Armani e Leo Dell'Orco

La sintonia tra i due è immediata, aspetto ben visibile nelle immagini della mostra. Lo stesso Armani afferma “Lavorare con Aldo mi ha permesso, fin da subito, di trasformare in immagini reali la fantasia che avevo in mente: che i miei abiti non erano soltanto fatti in una certa maniera, con certi colori e materiali, ma rappresentavano un modo di essere, di vivere. Perché lo stile, per me, è un’espressione totale. Insieme, in un dialogo sempre fluido e concreto, abbiamo creato scene di vita, evocato atmosfere”. Scatti semplici, ma efficaci. Fotografie del passato, ma estremamente attuali.

aldo-fallai-gen-24

Il percorso espositivo si snoda su due dei quattro livelli dell’Armani/Silos, inaugurato a Milano nel 2015. Il complesso, progettato da Tadao Ando, racconta una ricerca della semplicità con forme geometriche regolari, che conferiscono agli spazi un’architettura sobria, ma allo stesso tempo monumentale. Gli ambienti contemporanei e razionali dell’Armani/Silos rispecchiano la filosofia dello stilista cremonese: ricerca dell’essenzialità, liberandosi da elementi surperflui per raggiungere un’eleganza sobria. Aspetti che si ritrovano nelle immagini esposte, che inserite nell’ambiente creano un connubio perfetto.

aldo-fallai-gen-24
Giorgio Armani FW 1984-85 | photo credit Aldo Fallai

La mostra è un percorso di 250 scatti posizionati in ordine sparso. La scelta dei curatori di propendere per un ordine non-cronologico è stata fatta per mettere in evidenza la contemporaneità dei fotogrammi. Le immagini sono familiari, raccontano istanti di vita quotidiana, come la donna in carriera, ritratta con lo sguardo dritto verso il futuro, in mezzo alla folla in via Durini sotto gli uffici Armani. La capacità di Aldo Fallai è stata anche quella di cogliere istanti immediati e senza tempo, di pura invenzione, come se fossero stati catturati in un istante reale. L’uso del bianco e nero esalta la contemporaneità dell’immagine e il carattere del personaggio.

“Il lavoro con Giorgio è stato il frutto di un dialogo naturale e continuo, e di grande fiducia da parte sua. Entrambi eravamo interessati a mettere in luce un aspetto dello stile legato al carattere e alla personalità, e questo si è tradotto in immagini che appaiono attuali oggi come ieri”, commenta Aldo Fallai. Percorrendo i due piani dedicati all’esposizione si percepisce la naturalezza di questi scatti. Sono immagini in cui ognuno si può riconoscere, sono spezzoni di vita quotidiana, in cui il fuoco è concentrato sul carattere della persona, facendo degli abiti un sottile complemento dell’essere, rispecchiando l’idea dello stilista che “l’eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare”.

fino all’11 agosto 2024
armanisilos.com

Cristina Zanacchi

Digital Edition

Argomenti

Seguici su

Ultime da Lifestyle

soho-house-apre-a-milano

SOHO HOUSE APRE A MILANO

Soho House Milano aprirà nei prossimi due anni nel cuore della città meneghina. Bisognerà aspettare ancora qualche anno prima di poterlo vedere
praga-vibes

PRAGA VIBES

La rivista selezionata come media internazionale nella speciale giuria del premio “Interior of the Year” per la Repubblica Ceca e Slovacca Pulsa
roma-e-la-sua-nuova-primavera

ROMA E LA SUA NUOVA PRIMAVERA

Zanichelli recita al vocabolo “Primavera” cfr stagione dell’anno che dura 92 giorni e 21 ore, dall’equinozio di primavera (21 marzo) al solstizio
Vai a

Don't Miss