klimt maggio 2014 dentrocasa
klimt maggio 2014 dentrocasa

KLIMT, TRACCE DI UN MITO

/

A Palazzo Reale di Milano opere della “rivoluzione” artistica operata dal maestro austriaco. Dal paesaggio al ritratto, le tape di una pittura carica di simbolismo e accenti decorativi.

nell’immagine: Girasole

Rivisitare la tradizione, aprire nuove strade e mostrare un ecclettismo di rara unicità. Gustav Klimt non è solo il principale esponente della Secessione Viennese, ma anche l’affascinante protagonista di un periodo artistico che attraversa diverse correnti e da tutte trae linfa per un continuo arricchimento. Palazzo Reale di Milano rende omaggio al genio viennese con la mostra dal tema “Kimt. Alle origini di un mito” realizzata in collaborazione con il Museo Belvedere di Vienna. In esposizione venti oli, disegni, stampe a altri documenti del maestro a testimonianza, oltre che dell’iter seguito, anche della straordinaria varietà delle tematiche affrontate, dal ritratto al paesaggio, dall’incanto della bellezza alle difficoltà esistenziali. Inoltre la riproduzione dell’originale “Fregio di Beethoven”, esposto nel 1902 al Palazzo della Secessione di Vienna, cala il visitatore nell’Opera d’Arte Totale (grande aspirazione della Secessione Viennese), accompagnandolo con la sinfonia della Nona di Beethoven. Lo stile più lineare degli esordi confluisce nell’elaborazione di percorsi legati al simbolico, al metafisico, tra misteriose forze oscure e l’ambiguità della presenza femminile. I viaggi a Ravenna fanno poi conoscere a Klimt il decorativismo dei mosaici bizantini che contribuisce alla formazione delle nuove tendenze artistiche. L’oro acquisisce un ruolo più preponderante nella comunicazione di un messaggio pregno di allegorie, tra rivelazioni estatiche e inattesi cambiamenti di ritmo. La mostra di Palazzo Reale rende conto anche dei primi anni di carriera incentrati sulla decorazione di alcuni edifici pubblici, tappa che si rivela fondamentale nella diffusione del “verbo” pittorico dell’artista. Ricordiamo in particolare il suo controverso contributo nell’aula magna dell’Università di Vienna dedicato alle tre Facoltà di Medicina, Filosofia e Giurisprudenza.

Fino al 13 luglio 2014 – klimtmilano.it

[ap_divider color=”#CCCCCC” style=”solid” thickness=”1px” width=”100%” mar_top=”20px” mar_bot=”20px”]

di Stefania Vitale

Ultime da Art & Culture

I LIBRI DI APRILE 2022

Una piccola guida “illustrata” delle migliori novità sugli scaffali di questo Aprile 2022. Una selezione affascinante

I LIBRI DI MARZO 2022

Una selezione dei libri più attesi sugli scaffali questa primavera: tra illustrazioni romantiche, graphic novel o