escher, mondi immaginifici
||Mano con sfera

IPNOTICHE ILLUSIONI FIRMATE ESCHER

/

A Palazzo Albergati di Bologna una interessante retrospettiva rivive l’opera del grande artista olandese.

Nell’immagine:  “Mano con sfera riflettente”

Un percorso che si dipana frastagliato fra fantasia e illusione, condito sempre dalla presenza di uno straordinario estro creativo. Dopo l’enorme successo ottenuto nella “tappa” di Roma, approda a Bologna la grande mostra dal tema “Escher”, dedicata all’opera del celebre artista olandese. La retrospettiva, che accoglie oltre 150 opere, intende analizzare gli inconsueti accostamenti di forme ed elementi a cui ha saputo avvicinarsi il pittore fondendo in un insieme originale e sempre sorprendente diversi elementi dell’arte e dell’architettura. Artista, incisore e grafico, Maurits Cornelis Escher (1898-1972) ha costruito il proprio mondo attraverso l’arte calandosi nel fascino e nell’attrazione ipnotica, attraverso la quale una scala, ad esempio, non approda mai in nessun posto e i riflessi naturali creano immagini parallele e improbabili. Palazzo Albergati di Bologna vuole restituire al visitatore l’incanto di un’arte giocata insistentemente sulla magia e che si nutre del potere di affascinare attraverso le armi dello stupore. Escher ha elaborato una propria precisa dimensione esplorando la suggestione evocativa degli specchi, delle geometrie e dell’ambiguità visiva, strumento in grado di creare connessioni impossibili. Sei le sezioni nelle quali si articola il percorso espositivo: La formazione: Escher, l’Italia e l’ispirazione Art Noveau, Dall’Alhambra alla tassellatura, Metamorfosi, Superfici riflettenti e metamorfiche, Paradossi geometrici e Economia escheriana ed Eschermani. L’invirgola la mostra tento è esplorare il personaggio scavando nelle origini e negli sviluppi della sua arte e al contempo osservando alcune fasi fondamentali della vita personale e dei rapporti sociali. Ne emerge una figura complessa che, grazie al proprio genio e alla propria ironia, ha saputo rendersi anticipatrice di alcune soluzioni che ben possono competere oggi con le più sofisticate tecniche digitali, influenzando già a suo tempo i settori dell’editoria e della grafica.

Fino al 19 luglio 2015 – Per informazioni palazzoalbergati.com

di Stefania Vitale

Ultime da Art & Culture

JOAQUÍN MORODO GARCIA

Joaquín Morodo Garcia, classe 1983, artista e imprenditore nato a Madrid in una famiglia di umanisti,