MAX-ERNST-LA-MOSTRA
L’angelo del focolare, 1937, olio su tela, 114 x 146 cm, Collezione privata, Svizzera, Classicpaintings / Alamy Stock Photo. Max Ernst by SIAE 2022.

MAX ERNST, PARABOLE DELLA MEMORIA

A Palazzo Reale di Milano una retrospettiva del grande artista tedesco Max Ernst, fra vicende biografiche e grandi fatti storici.  

Un viaggio appassionante, visionario, sbalorditivo, attraverso gli incredibili eventi che hanno sconvolto il Novecento.

Un innescarsi costante di abbagli e disillusioni che aprono alla meraviglia dell’impatto visivo inducendo a inaspettate, ripetute, riflessioni, fra stupore e curiosità.

L’opera di Max Ernst (1891-1976), artista tedesco naturalizzato francese e americano, è scoperta e rivelazione, memoria e sogno. A celebrarlo in questo periodo, a Palazzo Reale di Milano, la prima grande retrospettiva dedicatagli in Italia.

MAX_ERNST-LA-MOSTRA
La festa a Seillans, 1964, olio su tela, 130 x 170 cm, Centre Pompidou, Paris. Mus.e national d’art moderne/ Centre de création industrielle 2022. RMN-Grand Palais/ Photographer: Georges Meguerditchian Max Ernst by SIAE 2022.

Curata da Martina Mazzotta e Jürgen Pech, la mostra ospita oltre 400 opere tra dipinti, sculture, disegni, collages, fotografie, gioielli e libri illustrati provenienti da collezioni private, fondazioni e musei italiani e esteri, tra i quali GAM di Torino, Peggy Guggenheim Collection e Museo di Ca’ Pesaro di Venezia, Tate Gallery di Londra, Centre Pompidou di Parigi e Museo Cantini di Marsiglia.

Ne scaturisce un interessante excursus nell’universo un po’ “folle” e un po’ sgomento di Ernst che, attraverso molteplici sperimentazioni, ha fatto sue diverse tecniche artistiche e spaziato in svariate tematiche lungo settant’anni di storia del XX° secolo, fra Europa e Stati Uniti.

MAX-ERNST-LA-MOSTRA
Pietà o La rivoluzione la notte, 1923, olio su tela, 116,2 x 88,9 cm, Tate, acquisito nel 1981. Tate, London, 2022. Max Ernst by SIAE 2022.

La sua opera è espressione seducente e inquieta di un pensiero in continuo movimento che va ad aprire le porte ad un genere non chiaramente classificabile, in transito fra Dadaismo e Surrealismo, di cui anticipa per molti versi gli esiti.

Max Ernst ritrae un uomo che si fa strada, ma a volte annaspa soltanto, in un dedalo di suggestioni e provocazioni che ne segnano costantemente il cammino.

Si veda su tutti il celebre dipinto dal tema “L’angelo del focolare” a ritrarre una figura totalmente trasfigurata che, da rassicurante presenza femminile, conosce una terribile metamorfosi assumendo minacciose sembianze animalesche.

MAX_ERNST-LA-MOSTRA
Gli uomini non ne sapranno nulla, 1923. Olio su tela, 80,3 x 63,8 cm. Tate, acquisito nel 1960. Tate, London, 2022. Max Ernst by SIAE 2022

È il turbamento in atto nell’animo umano, che sfocia nell’abominevole e nel grottesco, l’orrore incombente che ne segnerà i destini trascinandoli nel baratro della Seconda Guerra mondiale e degli orrori inimmaginabili del razzismo.

L’artista, che già aveva partecipato alla Grande Guerra, vive tragicamente tutto in prima persona, segue la tortuosa parabola della storia e intervalla idealmente le vicende universali con i propri episodi personali, fra amori contrastati (tra i quali il breve matrimonio con Peggy Guggenheim) e amicizie anche illustri.

MAX-ERNST-LA-MOSTRA
Oedipus Rex, 1922, olio su tela, 93 x 102 cm, collezione privata, Svizzera. Album / Fine Arts Images / Mondadori Portfolio. Max Ernst by SIAE 2022

Il percorso di Palazzo Reale, che si apre con l’opera Oedipus Rex (1922), capolavoro che quest’anno compie un secolo, passa in rassegna le principali tappe biografiche di Ernst, suddividendole in quattro grandi periodi, dalla formazione in Germania, agli anni di Parigi, dai trascorsi a New York fino al ritorno in Europa.

L’invito, ideale, è quello di guardare oltre l’immediatamente percepibile, scorgervi “debiti”, rimandi e corrispondenze con gli artisti che ne hanno influenzato il pensiero e allo stesso tempo individuare i fondamenti del grande rinnovamento introdotto dallo stesso Ernst.

Un itinerario sfaccettato che sa di ribellione, meraviglia e disincanto. Come frammenti di memoria che convergono in un messaggio simbiotico di condanna e salvezza.

maxernstmilano.it

fino al 26 febbraio 2023

Stefania Vitale

Stefania Vitale

Caporedattrice

Ultime da La mostra

MILANO, ECHI DI STORIA

Al Castello di Novara, una mostra sulle trasformazioni che hanno interessato la città nell’Ottocento.  Una Milano

MODA E CAPRICCI

Alla Fondazione Magnani-Rocca, una ricca esposizione sulla pubblicità di settore, in Italia, da fine Ottocento a

ARTE A SORPRESA

La XVI^ edizione di Meccaniche della meraviglia: installazioni a Brescia e sul Lago di Garda. Se