Helmut-Newton-Aprile-2023
Moda. Melbourne, 1955, Fashion. Melbourne, 1955, ©Helmut Newton Foundation.

HELMUT NEWTON, LEGGENDARIE PROVOCAZIONI

18/04/2023

A Palazzo Reale di Milano una ricca retrospettiva su uno dei fotografi più amati di sempre.

Sofisticati, seducenti, audaci. Sono i soggetti di Helmut Newton (1920-2004), fotografo fra i più amati, ricercati e al contempo discussi del suo tempo.

Il suo è un costante inno alla provocazione, spinta fino a quel limite che confina comunque l’immagine entro i canoni di un’eleganza mai tradita. Il tutto grazie alla “potenza” di fotografie che non potevano, e ancor oggi non possono, passare inosservate.

Palazzo Reale di Milano gli rende omaggio con la mostra “Helmut Newton. Legacy” ideata in occasione del centesimo anniversario della nascita del fotografo e curata da Matthias Harder, direttore della Helmut Newton Foundation, insieme a Denis Curti.

Helmut-Newton-Mostra-Aprile-23
Helmut Newton. Elsa Peretti as a Bunny. New York, 1975 © Helmut Newton Foundation

L’esposizione, che è parte di Milano Art Week (11 – 16 aprile 2023), mira a offrire una visione nuova del fotografo ripecorrendone l’intera carriera attraverso 250 opere, ma anche riviste, documenti, video, materiali d’archivio e dichiarazioni dello stesso protagonista.

A disposizione del visitatore, oltre alle immagini per così dire più iconiche, anche un insieme di scatti inediti presentati per la prima volta in Italia.

In più polaroid e contact sheet sono concepiti come strumenti per andare a sviscerare le varie fasi del processo creativo, inserito naturalmente nello specifico contesto dell’epoca.

Helmut-Newton-Mostra-Aprile-23
Helmut Newton. Rue Aubriot, Yves Saint Laurent, French Vogue. Paris, 1975 © Helmut Newton Foundation

Helmut Newton, nome anglicizzato di Helmut Neustädter, è nato a Berlino da una famiglia di origini ebree ed, esprimendo da subito il proprio interesse per la fotografia, affianca già a 16 anni la famosa fotografa Yva.

Dopo le tante, e anche gravi, traversie dovute alle persecuzioni razziali, apre a Melbourne un piccolo studio con l’attrice e futura moglie June Brunell.

Il suo stile, completamente fuori dai canoni fin lì delineati, va sviluppandosi a cominciare dalle grandi esperienze parigine. Le prestigiose collaborazioni con Yves Saint Laurent e Karl Lagerfeld, ad esempio, e le varie commissioni per le grandi riviste internazionali, gli consentono di viaggiare in tutto il mondo ed entrare a contatto con le tante sfaccettature dello spirito del tempo.

Il suo inconfondibile contributo apre strade mai percorse nel mondo della fotografia spalancando gli orizzonti di una visione più coraggiosa e disinibita, capace di lasciare il segno nel mondo della moda come della ritrattistica, ma anche dell’advertising.

I limiti sociali e morali vengono completamente stravolti in nome di uno slancio innovativo che sfocia spesso in ricercate espressioni di erotismo e trasgressione.

Helmut_Newton-Mostra-Aprile-23
Helmut Newton. Autoritratto. Monte Carlo, 1993 © Helmut Newton Foundation

Al centro della sua interpretazione della figura femminile, gli incombenti cambiamenti di ruolo sottolineati da un messaggio esplicito, non privo di eccessi, a tratti ambiguo, e di conseguenza non esente da critiche.

Così nella serie “Naked and dressed”, nella quale modelli nudi e vestiti posano gli uni accanto agli altri, o in “Big Nudes”, con stampe realizzate pure a grandezza naturale.

Anche lo studio della composizione tocca nuove vette perché nulla è lasciato al caso nella disposizione degli elementi, nell’orientamento dell’immagine e nella creazione di una precisa atmosfera.

A stimolare l’immaginazione dell’osservatore sono pure le inquadrature delle foto, anch’esse distanti dai canoni più tradizionali, fondamentali per allargare ulteriormente il potenziale espressivo dell’autore.

Helmut-Newton-Mostra-Aprile-23
Helmut Newton. Elle. 1967 © Helmut Newton Foundation

È il contesto a concorrere chiaramente nella variazione dell’effetto: l’obbiettivo di Newton si sposta dalle strade cittadine alle spiagge assolate, fino ai set ricostruiti anche negli interni più impensabili.

Luoghi e situazioni che il fotografo sceglie comunque per affinità cogliendo quel quid di magico e di unico che rende le sue creazioni un riferimento irrinunciabile per “colleghi” e appassionati.

I risultati rimangono sorprendentemente attuali: magnetiche suggestioni che raccontano storie enigmatiche e irriverenti. Perché, come dice lo stesso Newton, “bisogna essere sempre all’altezza della propria cattiva reputazione”… 

Fino al 25 giugno 2023

mostrahelmutnewton.it

Picture of Stefania Vitale

Stefania Vitale

Caporedattrice

Argomenti

Seguici su

Ultime da La mostra

anselm-kiefer-memoria-e-catarsi

ANSELM KIEFER MEMORIA E CATARSI

A Palazzo Strozzi di Firenze l’opera del grande artista tedesco contemporaneo, tra reminiscenze passate e visioni sul futuro L’eredità è la storia.
mirò-marzo-24

JOAN MIRO’. LA DANZA DEI COLORI

Al Palazzo della Cultura di Catania, una ricca antologica sul celebre artista catalano. Per Joan Miró (1893-1983) il quotidiano è sempre, solo,
Vai a

Don't Miss