Eliasson-miraggi-di-luce-Febbraio-23
Your power kaleidorama (Il tuo caleidorama potente), 2022, schermo di proiezione, pellicola specchiante, legno, acciaio inossidabile, proiettori LED, alluminio, ottone, plastica, lenti, componenti ottici, vetro, filtro in vetro colorato (colori vari), tessuto, olio di paraffina, pianta (felce), motori, circuiti elettronici, unità di controllo / dimensioni determinate dall’ambiente. Veduta dell’installazione / Olafur Eliasson: Orizzonti tremanti, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2022. Photo: Agostino Osio. Courtesy l’artista; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles. © 2022 Olafur Eliasson.

ELIASSON, MIRAGGI DI LUCE 

17/02/2023

Al Castello di Rivoli una serie di sei opere d’arte immersiva ridisegnano gli spazi coinvolgendo a tutto tondo i sensi del visitatore. 

Scenografici panorami di luce. Illusori spazi iperbolici a negare i consueti confini ambientali e temporali calando il visitatore in simultanei, prodigiosi, incontri di meraviglia.

Come in un mondo a parte, fatto unicamente di suggestione. Alchimie di colori e forme ad insinuare all’istante illusioni e successivi disinganni.

L’arte di Olafur Eliasson (Copenhagen, 1967) è un tuffo immaginifico in installazioni immersive, che mettono in gioco direttamente le sensazioni e il vissuto di ciascuno rendendolo parte integrante dell’opera stessa.

L’eccezionale percorso, realizzato all’interno della Manica Lunga del Castello di Rivoli e visitabile fino al prossimo 26 marzo, introduce lo spettatore in forme fluide in continuo movimento ad ampliare idealmente lo spazio d’azione.

Eliasson_miraggi-di-luce-Febbraio-23
Olafur Eliasson.

Siamo al cospetto di ripetute illusioni ottiche, fascinosi “abbagli” prodotti grazie alla presenza di specchi e proiezioni di luce.

Da qui il tema della mostra, “Orizzonti tremanti”, curata da Marcella Beccaria, a sottolineare la forza evocativa della luce, appunto, capace di ammaliare, rischiarare la mente, ma destare anche delicati interrogativi.

Sì perché l’arte di Eliasson è un felice connubio di creatività, tecnologia e sensibilità verso i temi più scottanti dell’attualità.

L’artista, che ha già esposto al Castello di Rivoli nel 1999 e nel 2008, durante la seconda Triennale di Torino, presenta ora nuovi lavori frutto delle sperimentazioni condotte nel suo grande studio di Berlino.

Eliasson-miraggi-di-luce-Febbraio-23
Your hesitant kaleidorama (Il tuo caleidorama esitante), 2022, schermo di proiezione, pellicola specchiante, legno, acciaio inossidabile, lampada LED, alluminio, ottone, plastica, lenti, componenti ottici, filtro in vetro colorato (ciano), motori, circuiti elettronici, unità di controllo / dimensioni determinate dall’ambiente. Veduta dell’installazione / Olafur Eliasson: Orizzonti tremanti, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2022. Photo: Agostino Osio Courtesy l’artista; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles © 2022 Olafur Eliasson.

Si tratta di una serie di sei opere dalla struttura a cuneo il cui obiettivo è lavorare essenzialmente sulla soggettività.

Si crea cioè un’esperienza in grado di coinvolgere corpo e mente dei visitatori, chiamati in causa rivendicando la straordinaria unicità di ciascuno, per una visione estemporanea del tutto personale. La prospettiva di ognuno diverge infatti da quanto percepito dagli altri, esaltando e valorizzando in questo modo la molteplicità degli attori presenti in scena.

La luce, così suggestiva e inafferrabile, diventa dunque lo strumento giusto per stimolare nuove esperienze sensoriali, suscitare intuizioni e indurre a una riflessione ogni volta difforme.

L’esposizione di Rivoli parte con l’opera di Eliasson “Navigation star for utopia” che, attraverso fasci di luce colorata, attraversa l’ambiente disegnando particolari effetti luminosi e dando l’idea di un innovativo dispositivo di orientamento.

Eliasson-miraggi-di-luce-Febbraio-23
Navigation star for utopia (Stella di navigazione per l’utopia), 2022, acciaio inossidabile, legno (rovere), vetro colorato (rosso, verde), ottone, vernice (grigia, nera, rossa), luci LED (bianche) /  ø 137 cm. Veduta dell’installazione / Olafur Eliasson: Orizzonti tremanti, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2022. Photo: Agostino Osio Courtesy l’artista; neugerriemschneider, Berlin;  Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles © 2022 Olafur Eliasson.

Il percorso si dispiega poi nel meraviglioso mondo dei cosiddetti “caleidorama”, definizione coniata ad hoc dall’unione dei termini caleidoscopio e panorama.

Usando infatti l’effetto specchio del caleidoscopio si generano accattivanti scenari di luce che vanno ad ampliare idealmente il luogo fisico in cui si trovano spalancando la vista su nuovi sorprendenti orizzonti.

Alternando frequenza e ritmo delle varie composizioni visive, Eliasson sperimenta così straordinarie opportunità di riconsiderare il comune senso di proporzione infrangendo i tanti limiti provenienti dalla nostra personale visuale sulle cose.

Al culmine del percorso espositivo ecco “Your non-human friend and navigator” realizzata con l’utilizzo di due driftwood, cioè tronchi trasportati dal mare e raccolti sulle spiagge dell’Islanda, terra molto cara all’artista.

Eliasson-miraggi-di-luce-Febbraio-23
Your power kaleidorama (Il tuo caleidorama potente), 2022, schermo di proiezione, pellicola specchiante, legno, acciaio inossidabile, proiettori LED, alluminio, ottone, plastica, lenti, componenti ottici, vetro, filtro in vetro colorato (colori vari), tessuto, olio di paraffina, pianta (felce), motori, circuiti elettronici, unità di controllo / dimensioni determinate dall’ambiente. Veduta dell’installazione / Olafur Eliasson: Orizzonti tremanti, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2022. Photo: Agostino Osio. Courtesy l’artista; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles. © 2022 Olafur Eliasson.

Intento di Eliasson è appunto quello di ricreare l’azione dell’acqua e delle correnti marine che sospingono il materiale per migliaia e migliaia di chilometri.

Il visitatore è ancora una volta protagonista dell’installazione richiamando alla mente il ruolo di ciascuno nella produzione della realtà, anche in rapporto alle improrogabili tematiche ambientali. L’impatto con l’esterno si fa via via più intenso, coinvolgente, persino appassionante, risvegliando consapevolezza e senso di responsabilità individuali.

Tanto che, in fondo, il confronto con l’arte diventa incontro con sè stessi, la propria sfera emotiva e i propri valori ridefinendo priorità e certezze.    

fino al 2 luglio 2023 

www.castellodirivoli.org

Eliasson_miraggi-di-luce-Febbraio-23
Your living kaleidorama (Il tuo caleidorama vivente), 2022, schermo di proiezione, pellicola specchiante, legno, tessuto, acqua, lampada LED, vasca in legno, treppiede, telo di plastica, acciaio inossidabile, specchio in vetro, filtro in vetro colorato (colori vari), motore, circuito elettronico, unità di controllo / dimensioni determinate dall’ambiente. Veduta dell’installazione / Olafur Eliasson: Orizzonti tremanti, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, 2022. Photo: Agostino Osio Courtesy l’artista; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles © 2022 Olafur Eliasson.
Picture of Stefania Vitale

Stefania Vitale

Caporedattrice

Argomenti

Seguici su

Ultime da La mostra

anselm-kiefer-memoria-e-catarsi

ANSELM KIEFER MEMORIA E CATARSI

A Palazzo Strozzi di Firenze l’opera del grande artista tedesco contemporaneo, tra reminiscenze passate e visioni sul futuro L’eredità è la storia.
mirò-marzo-24

JOAN MIRO’. LA DANZA DEI COLORI

Al Palazzo della Cultura di Catania, una ricca antologica sul celebre artista catalano. Per Joan Miró (1893-1983) il quotidiano è sempre, solo,
Vai a

Don't Miss