VILLA RECROSIO - DENTROCASA GIUGNO 2018
VILLA RECROSIO - DENTROCASA GIUGNO 2018

VILLA RECROSIO

[Best_Wordpress_Gallery id=”565″ gal_title=”VILLA-RECROSIO-PHOTO”] 

A Rivarolo Canavese, il recupero di una storica dimora edificata nella seconda metà dell’Ottocento, ha saputo valorizzare le caratteristiche storiche e architettoniche del contesto.

progettazione arch. pietro carlo pellegrini • testo edda giancola • ph michele biancucci

 

Storica residenza della famiglia Recrosio, facoltosa famiglia di Rivarolo, la villa rappresenta una preziosa eredità, una testimonianza solenne del passato che, attraverso un sapiente restauro, ha “attraversato il tempo” divenendo un luogo di equilibrio. La villa si inserisce nella tipologia caratteristica di tale periodo a Rivarolo, privilegiando quindi un impianto aperto con una mediazione tra corte e giardino.

È corredata da un giardino all’italiana, un’impostazione tardo-rinascimentale che, dal rigore geometrico, ha generato un disegno naturale di rara eleganza; è inoltre inserita in un parco caratterizzato dalla presenza di maestosi alberi secolari. A firmare il recupero di questa dimora l’architetto Pietro Carlo Pellegrini. Che spiega: “La modernità del progetto non può essere scissa da una profonda sensibilità per il preesistente”.

La capacità interpretativa, l’accurata conoscenza del contesto e l’allestimento contemporaneo degli spazi hanno consentito l’esaltazione della memoria del luogo in una nuova dimensione, dove il legame con la storia risulta inscindibile. Non si tratta quindi di conservazione assoluta tesa alla musealizzazione e nemmeno di “tirannica” sopraffazione, bensì di metodologia progettuale “trasversale”, dove la coesistenza è inderogabile. Oltre ad un intervento di consolidamento strutturale, il progetto ha previsto la riorganizzazione funzionale dell’unità abitativa al fine di ottimizzare la volumetria esistente ed integrare l’edificio ex novo.

Il risultato è un esemplare connubio tra antico e moderno dove l’analisi puntuale di ogni elemento compositivo, caratterizzato da ricerca e linearità stilistica, conferisce contestualmente all’insieme flessibilità e pregio assoluto.

• chi:

Arch. Pietro Carlo Pellegrini
progettazione
via di Vicopelago, 3129 Pozzuolo Lu – tel 0583 379005 cel 348 3886580

pietrocarlopellegrini.it

 

[ap_divider color=”#CCCCCC” style=”solid” thickness=”1px” width=”100%” mar_top=”20px” mar_bot=”20px”]

Villa Recrosio

In Rivarolo Canavese, the restoration of a heritage house built during the second half of the 18th century has been able to enhance the architectural and historical features of the context.

Design by architect Pietro Carlo Pellegrini • Text written by Edda Giancola • Photography by Michele Biancucci

Historic residence of the Recrosio family – a wealthy house living in Rivarolo –, the villa represents a precious estate, a majestic proof of the past that – thanks to a wise restoration work – has “crossed time” becoming a place of balance.

The villa is included among the typical Rivarolo buildings of such a period, therefore by favouring an open installation which conciliates between garden and courtyard. It also features an Italian garden: a planning of the late Renaissance that has created a natural pattern of rare elegance with a geometric rigour; moreover, it is placed in a park distinguished by the presence of majestic centuries-old trees. Pietro Carlo Pellegrini signed the restoration work of this abode, who explains: “The innovation of this project cannot be separated from a deep perception of the pre-existing situation”.

The interpretative skill, the accurate knowledge of the context and the contemporary set-up of spaces allowed the glorification of memory of this place in a new dimension where the link with history appears as inseparable. It is therefore not a structural consolidation work aimed at “musealization” and not even a tyrannical abuse of power but rather an “across-the-board” planning methodology, where coexistence is mandatory. In addition to all measures taken to consolidate the building, the project considered a functional reorganization of the housing unit in order to optimise the pre-existing building volume and to integrate the building from scratch.

The result is a model bond between ancient and modern ages where the precise analysis of all compositional elements – distinguished by a pursuit and stylistic linearity – contextually gives flexibility and absolute value to the whole space.

 

Ultime da Le nostre case

BAGLIORI E DESIGN

[Best_Wordpress_Gallery id=”862″ gal_title=”BAGLIORI-E-DESIGN”] Una villetta di nuova costruzione per una giovane famiglia che ama la bellezza

VIVERE IN UN’EMOZIONE

[Best_Wordpress_Gallery id=”863″ gal_title=”VIVERE-IN-UN-EMOZIONE”] Carattere ed emozione per questo chalet a Madonna di Campiglio dove la natura

GLAMOUR IN COSTA AZZURRA

[Best_Wordpress_Gallery id=”864″ gal_title=”GLAMOUR-COSTA-AZZURRA”] Un ambizioso progetto architettonico fa di questa villa sulla Costa Azzurra un piccolo

DENTRO LA STORIA

[Best_Wordpress_Gallery id=”865″ gal_title=”DENTRO-LA-STORIA”] Vivere nelle trame del passato con la bellezza e il comfort che solo

OLTRE L’INFINITO

[Best_Wordpress_Gallery id=”866″ gal_title=”OLTRE-INFINITO”] Incastonata nella roccia delle colline bergamasche, una villa si sviluppa su più livelli