REDAZ-PMEDIA

NOVEMBRE, UNA SFIDA DA VINCERE

GIANPAOLO NATALI - EDITOR

Novembre è una sfida da vincere. Comunque la si metta, l’idea di colorare queste lunghe giornate autunnali richiede sicuramente un certo impegno… Ma, come dire, siamo qui per questo!

E se anche i pomeriggi soleggiati sono merce sempre più rara, eccovi servite le idee più glamour e innovative firmate da creativi e professionisti del settore, italiani e non. Qualche input per sconfinare oltre il “grigiore” di Novembre, accendere le menti e dare linfa ai vostri progetti. Il nostro format prevede infatti spunti di riflessione sulle nuove attitudini in fatto di abitare e lifestyle e sulle interpretazioni che ne

stanno dando designer affermati e emergenti, inseguendo quel “flusso creativo” destinato ad aprire di continuo nuove frontiere. DENTROCASA, fedele alla sua mission originaria, vuole spaziare anche questo Novembre fra le tante realtà architettoniche e di interior design italiane e internazionali. Si insinua nelle pieghe della storia alla ricerca di abitazioni che conservano ancora un’aura struggente e suggestiva al tempo stesso.

E si immerge anche in interni contemporanei, luminosi e ricercati sotto il profilo dei materiali. L’obiettivo rimane quello di assecondare le accezioni più contemporanee del concept di arredo, fornendo un’ampia vetrina anche sulle nuove tecnologie e i loro tanti ambiti di applicazione, ma tenendosi al contempo ben allineata ai sempre più doverosi target di sostenibilità.

Ma c’è di più. DENTROCASA è pronta a offrirvi anche una proposta assolutamente inedita per questo mese: il 27 e 28 novembre e proseguendo poi nei giorni 3, 4 e 5 dicembre, sarà infatti di scena al Brixia Forum la fiera DENTROCASA EXPO, che riapre con grande orgoglio le porte e taglia il traguardo dell’ottava edizione. Riprogrammata in piena sicurezza dopo il lungo stop imposto dalla pandemia, rappresenta un appuntamento assolutamente imperdibile per gli amanti dell’arredamento e del design che, in un’unica esperienza, potranno visionare i migliori prodotti e progetti firmati da autorevoli player del settore. DENTROCASA EXPO special edition 2021 farà quindi da eccezionale trait d’union fra quanto architetti e interior in questo periodo hanno forzatamente tenuto “nel cassetto” e quanto invece si svelerà nei prossimi mesi.

Un’occasione preziosa di questo Novembre per vivere in anteprima le evoluzioni dell’abitare nel contesto di quella che già è lecito definire la “nuova normalità”: dalla rivisitazione degli spazi domestici e dei luoghi di lavoro fino alle tante idee per sfruttare e godere a pieno gli ambienti outdoor. E, ricordate, l’ingresso rimane gratuito!

Non mancate. L’appuntamento con DENTROCASA è invece per il prossimo dicembre. Buona lettura a tutti!

Gianpaolo Natali

Cerca DENTROCASA nelle edicole e leggi QUI la versione digitale.

EMOZIONI DA TOCCARE

I rivestimenti vanno alla ricerca di nuove espressioni ed emozioni e personalizzano gli ambienti con fascino.

Sembra vestita per le grandi occasioni, ma non è così. Lei è sempre bella ed elegante e sfoggia nella sua modernità rivestimenti seducenti che la rendono esclusiva e perfetta con quanto le sta attorno. Parliamo di una villa dall’architettura attuale, con spazi grandi e aperti, un giardino che la avvolge e una piscina a portata di mano e di sguardo.

Sì, perché attraverso le grandi vetrate del living si passa in un attimo dal soggiorno al portico, che nella bella stagione diventa un comodo prosieguo dell’interno, per poi tuffarsi nel corroborante specchio d’acqua.

Il proprietario, nonché progettista e impresario costruttore della casa stessa, non poteva che essere preciso e scrupoloso sulle scelte da adottare per renderla uno spazio ideale per la sua famiglia. E, seppure l’impianto di fabbrica risulti importante e accurato, ciò che balza subito agli occhi è la cura prestata per le finiture e i rivestimenti, per i quali la scelta dei materiali e degli accostamenti cromatici fa la differenza.

Gusti personali e competenze sono scesi in campo per rendere tutto il progetto un insieme di grande eleganza e comfort grazie all’ausilio, oltre che dei proprietari, anche di Emmepi Ceramiche che con la sua filosofia aziendale, fatta di qualità e di continua ricerca di materiali nuovi e performanti, ha personalizzato il progetto.

Ceramiche-Emmepi-Emozioni-da-toccare-Living

La superficie del grande open space è uniformata dalle raffinate geometrie del parquet di Rovere posato a spina ungherese, che mette in luce le meravigliose venature naturali del legno e crea uno scenografico effetto di movimento accentuato dall’illuminazione ad hoc.

Dalla calda elasticità del legno che governa le varie zone del living si passa alla scenografica scala, con i gradini a sbalzo e il corrimano in cristallo, così da lasciare alla vista il piacere di osservare senza impedimenti.

L’illuminazione integrata ad ogni gradino la rende bella e scultorea e non soltanto un elemento funzionale. L’arredo, di pregio e ben equilibrato, si accostata perfettamente alle cromie di fondo, mentre il camino bifacciale rallegra e scalda più zone.

Ceramiche-Emmepi-Emozioni-da-toccare-Bagno

Nel reparto dedicato alla notte ci si trova ancora ammaliati da elementi decorativi, tra questi la carta da parati che veste l’intera parete della camera padronale e dei bagni.

L’uno, vestito da una pregiata ceramica effetto marmo, preziosa e raffinata con venature dorate che rendono l’ambiente elegante e avvolgente. L’altro, che non passa certo inosservato, con il rivestimento in porcellanato effetto tessuto-carta da parati a tema floreale. Il tutto uniformato dallo stesso parquet di Rovere utilizzato per il living.

Per l’esterno è stata dedicata la stessa accuratezza nel rivestimento dell’impiantito, con un porcellanato effetto cemento grezzo che consolida una tradizione ceramica di alto livello qualitativo e dialoga contemporaneamente con il gusto delle ultime tendenze abitative.

Pavimenti e rivestimenti Emmepi Ceramiche – Ph. Eros Mauroner - Testo Alessandra Ferrari

CHI:

• Emmepi Ceramiche – fornitura pavimenti e rivestimenti

Via Lavoro e Industria 861, Rudiano (Bs) – Tel. 030 716675

ceramiche-emmepi.it

AMABILE PRIVACY

In una dimora sulle colline bergamasche, privacy, armonie cromatiche e intime atmosfere: un binomio elegante per il piacere di ritrovarsi e rifugiarsi in spazi quotidiani e personali, creati a misura.

La stretta collaborazione progettuale, che ha coinvolto i giovani proprietari di un immobile di recente costruzione e gli interior designer di Bonomelli Arredamenti, ha portato all’elegante realizzazione di una dimora che, affacciata sulla Val Cavallina, rispecchia tutte le esigenze e i desideri propri della committenza.

La privacy e la ricerca di composizioni moderne, dalle linee pulite e dalle delicate cromie, sono state la chiave di volta per la creazione di ambienti ben organizzati e ben distribuiti.

La proprietà si sviluppa su due livelli, coordinati e omogeni non solo per il grande utilizzo del parquet in rovere, ma anche per la scelta dei materiali in gres porcellanato e per l’abbinamento tonale tra le superfici bianche e gli arredi più scuri. Alla base della progettazione, lo studio sempre minuzioso, sia delle soluzioni compositive sia degli effetti dell’illuminazione, ottenuti con barre a led.

La zona giorno occupa il piano inferiore e si sviluppa in un luminoso open space dove la suddivisione tra living, soggiorno e cucina è visivamente assicurata dalla sporgenza del volume centrale, che accoglie il camino nell’area pranzo e tre nicchie sul lato del soggiorno.

Amabile-privacy-Bonomelli-Arredamenti-Casa-moderna-Cucina

Elemento caratterizzante, sul fronte opposto, è pure la quinta verticale, di trafilati di metallo rivestiti di noce canaletto, che dona privacy e in parte valorizza la scala e lo stesso sottoscala. Dalla cucina la visione prospettica è ampia e continua e gli arredi si affiancano ordinati.

Al piano superiore, la camera padronale si conforma alla silhouette del soffitto mansardato: le ante degli armadi seguono il profilo delle pareti, mentre la porta che apre sulla cabina armadio “scompare” mimetizzandosi nella parete rivestita di carta da parati dogata, alle spalle del letto.

Amabile-privacy-Bonomelli-Arredamenti-Casa-moderna-Bagno-Vasca

La suite padronale si completa con il bagno, impreziosito dai lucidi rivestimenti e dalla dominante vasca ovale. Lo stile raffinato pervade, infine, la camera degli ospiti, decorata da una scura carta da parati, a richiamo delle tonalità grigie del bagno vicino.

Complessivamente, la dimora parla chiaro: la privacy qui non può non essere amabile e pienamente rispettata.

Progettazione d’interni Bonomelli Arredamenti - Ph. Michela Melotti - Testo Anna Zorzanello

CHI:

• Bonomelli Arredamenti – progettazione d’interni e fornitura arredi


Via S. Ambrogio 59, Trescore Balneario (Bg) –

Tel. 035 940238


bonomelliarredamenti.it

ARMONIA QUOTIDIANA

Ambienti armonici dove l’eleganza e il comfort diventano alleati del vivere la casa in tutte le sfumature.

Una villa ai piedi delle colline vicentine. Un rifugio tranquillo, in armonia con la natura, spazi ampi e agevoli inondati dalla luce che entra dai numerosi occhi vetrati rendendo più vividi i volumi. La committenza, un consulente finanziario e la figlia, desiderava questo: un luogo in armonia e confortevole dove, nella bellezza e nell’eleganza, potessero trovare spazio il comfort e la funzionalità.

L’obiettivo è stato pienamente raggiunto con degli interni che, per la loro armonia stilistica e il calore, possono essere paragonati ad un costante abbraccio quotidiano. Dare continuità estetica e completare il progetto architettonico già esistente è stato l’obiettivo comune del committente e dello studio C+partners con Dot Design, per progettare lo spazio dell’abitare attraverso uno studio mirato dell’arredamento.

Attraverso un’attenta analisi funzionale, nel rispetto di quanto realizzato in termini edili e di percorsi esistenti e in sinergia tra le parti, si è studiato l’arredo come collegamento tra gli spazi valorizzando la funzionalità e la semplicità dell’abitare quotidiano, come richiesto.

Le finiture già presenti nell’abitazione, come il legno a pavimento e le grandi superfici verticali bianche, hanno portato i progettisti a utilizzare materiali dalla forte personalità, come il legno effetto cenere, tavoli in marmo e tocchi di colore, come le nicchie dell’angolo snack della cucina e la poltrona gialla dello studio, assieme ad altri pezzi di design. L’open space offre una visione completa della zona giorno rispettando comunque la privacy dei vari ambienti, con un grande spazio dedicato al relax dove comodi divani in pelle si aprono sulla zona TV.

Dot-Design-Armonia-Quotidiana-Living

Alle spalle la cucina moderna e tecnologica si offre alla vista con una serie di elettrodomestici professionali e la sala da pranzo poco distante per una maggiore funzionalità operativa. Ovunque si respira eleganza ed equilibrio. L’armonia degli interni è stata consolidata e personalizzata anche grazie ad alcuni elementi disegnati appositamente, come la testiera del letto della camera padronale e le griglie frangisole della zona giorno, per dare confort, eleganza, funzionalità e privacy alla stanza.

Originale la scelta dei complementi e delle opere, inserite nel percorso abitativo con il contributo dell’art curator Monica Pirani, che aggiungono personalità ed estro, mentre le composizioni del verde, ideate magistralmente da Thomas Pellizzaro, invitano al relax e al benefico ricongiungimento con la natura.

Dot-Design-Armonia-Quotidiana-Dettaglio

Nella zona notte regna la stessa atmosfera di tranquillità e armonia, con la stanza padronale incorniciata da pavimento e soffitto lignei e la parete con boiserie rivestita in pelle e nicchie per un interessante tocco coreografico.

Nella stanza della figlia un volo di note musicali sottolinea la testata del letto con leggerezza e allegria confermando ancora una volta un progetto d’interni equilibrato e armonico dove modernità e tradizione convivono in un sodalizio senza tempo.

Progetto d’interni Dot Design e C+Partners - Ph. Michela Melotti - Testo Alessandra Ferrari

CHI:

• Dot Design – progetto d’interni

Via Leon Battista Alberti 9/a, Arzignano (Vi) – Tel. 0444 1240930

dotdesign.it

 

• Studio C+partners

Via dell’Artigianato, Breganze (Vi)

cpartners.it

CUORE E LEGGEREZZA

Il fascino di un’eleganza essenziale e pura fa di questa casa un luogo accogliente e ricco di leggerezza.

Tira aria di leggerezza tra le mura di questo attico, tanto che viene voglia di rallentare, lasciare andare le frenesie della vita quotidiana e scivolare lentamente in una dimensione più pacata e tranquilla, dove la luce e il candore cromatico fanno da filtro e da sfondo al paesaggio domestico. Ci troviamo all’interno di un interessante progetto, gestito dall’architetto Ilaria Nava, che si sviluppa sugli ultimi due piani di un’elegante palazzina.

Oggi sono divenuti uno spazio unitario, distribuito su due livelli, vissuto da una giovane coppia, dinamica e globe-trotter, che sognava una casa all-white dove godere i momenti più intimi di vita familiare.

La geometria regolare degli interni e le tonalità chiare danno immediatamente una connotazione moderna e di leggerezza al percorso, nel quale l’assenza di ridondanze e di eccessi, sia stilistici che di arredo, diventa il punto di forza di tutto il progetto.

Modernità e linee pulite ci accolgono nell’open space con una zona relax, illuminata dalle ampie vetrate panoramiche che accedono al terrazzo e arredata dalle linee morbide del divano, dal quale nella stagione fredda si può godere del calore del camino moderno posto sotto la TV.

Brasshouse-Cuore-e-leggerezza-Casa-Ceriani-Living

A sfioro il tavolo per il pranzo, bianco e lineare con le sedie abbinate, che anticipa quella che è la zona dedicata alla cucina: qui una grande isola, anch’essa molto minimale, diventa protagonista tagliando trasversalmente l’area del living. La parete adiacente ospita, invece, le colonne contenenti i forni, tradizionale e microonde, il frigorifero e la dispensa. Unica nota cromaticamente incisiva nella leggerezza dell’ambiente, è la boiserie realizzata con un’essenza lignea di noce canaletto che immette nei locali del bagno ospiti.

Scenografici e caratterizzanti gli elementi di design in ottone e foglia oro che punteggiano qua e là la zona giorno, posti in risalto dalla luminosità di cui è pervasa l’abitazione.

Brasshouse-Cuore-e-leggerezza-Casa-Ceriani-Cucina

Altro elemento coreografico, oltre che funzionale, è la scala, che con la sua leggerezza di linee ruota attorno allo straordinario lampadario a globi in vetroresina di Catellani&Smith. Anche il più piccolo spazio è stato ottimizzato attraverso soluzioni intelligenti, come la mensola sotto la scala che diventa una panca, strategia utilizzata anche in altri punti del living con l’aggiunta di contenitori sottostanti la seduta.

Il piano dedicato alla notte riserva lo stesso stile, rilassante e lieve, con i volumi monocolore e la camera padronale personalizzata da vasca e lavandino posti sulla parete a lato del letto e retroilluminati, per un’atmosfera da mille e una notte.

Progetto d’interni Arch. Ilaria Nava – Ph. Andrea Ceriani - Testo Alessandra Ferrari

CHI:

• Rubinelli Arredamenti – Fornitura arredi

Strada regionale 229, 11 Fontaneto d’Agogna (No) – Tel. 0322 863334

rubinelli.com

SOTTO-SOPRA IN BELLEZZA

Nella calma della campagna, prende forma una struttura abitativa ben integrata nella natura e ispirata alla tradizione e bellezza del luogo.

Natura e tradizione sì, ma con tecniche costruttive avanzate e innovative come l’uso della domotica, con gli impianti alimentati da energie rinnovabili geotermiche e fotovoltaiche, che rendono la casa performante oltre che ricca di bellezza. Le ampie vetrate consentono una visione libera dello spazio con una panoramica sul grande giardino che circonda la villa. Tutto è stato rigorosamente studiato per un mood senza-tempo: vetrate, porte interne e pavimento in legno pregiato fanno da cornice a prodotti iconici e “immortali”.

A caratterizzare gli interni con uno stile elegante e moderno in grado di regalare incantevoli scorci, la creatività di Genesin Casa Amica, realtà sempre attenta ad interpretare il gusto e le esigenze abitative del cliente.

La zona giorno è impreziosita dalle forme generose e accoglienti del divano Standard di Edra, con tessuti morbidi e materiali avvolgenti che donano un comfort straordinario alla seduta. L’area TV è caratterizzata dal segno minimale della parete attrezzata di Rimadesio, una composizione di moduli in vetro arricchiti con teche illuminate, mentre lo spazio per la conversazione e per i momenti di relax è riservato a uno dei progetti più celebri e importanti degli anni ’50, la Lounge Chair & Ottoman di Vitra, icona di fama mondiale del design.

L’atmosfera della casa è luminosa ma filtrata dai tendaggi a rullo di design, Mycore, che consentono un ingresso di luce misurata e arredano con stile gli importanti serramenti mantenendo la visione tecnica ed elegante degli ambienti.

Quando l’occasione richiede un’ospitalità elegante e lussuosa, non manca una zona pranzo unica e preziosa. Il tavolo Wedge, situato al centro del salone, le ricche poltroncine in pelle e tessuto e la madia Lou creano una perfetta combinazione di bellezza e ricercatezza di materiali, come la pietra naturale e la lacca brillante.

Sotto-sopra-in-bellezza-Genesin-casa-amica-villa-campagna-Cantina-vini

Anche nel seminterrato la seduzione continua, anzi, diventa uno dei punti di forza della casa, grazie alla passione del proprietario per i vini e per i liquori più pregiati.

Scese le scale, un ambiente raccolto e studiato nei minimi dettagli permette di ricevere gli ospiti in uno spazio vestito con carta da parati, specchi e dettagli architettonici in legno che fanno da cornice al tavolo La Rotonda di Cassina.

Nell’outdoor, attiguo alla zona living, invece, una zona cottura con camino e cucina Cinqueterre Schiffini fa da sfondo allo straordinario tavolo Sciara di Paola Lenti, realizzato con un piano in pietra lavica ricoperto da una fusione di vetro. La famiglia resta protagonista di questi spazi ed ha ispirato e guidato la realizzazione di ambienti cuciti sartorialmente secondo la sua bellezza e le sue aspirazioni.

Sotto-sopra-in-bellezza-Genesin-casa-amica-villa-campagna-Camera-2

Ecco allora che le favole e le fantasie dei bambini prendono vita nelle spaziose camerette, dove colori, rivestimenti, accessori e prodotti sono perfettamente combinati.

Nella camera padronale, invece, protagonista è un capolavoro di bellezza, morbidezza e comfort: il letto Stand By Me di Edra diventa infatti il “luogo” perfetto dove ricaricare le batterie dopo una giornata ricca di impegni.

Progetto arredo d’interni Valentina Genesin, Interior Designer per Genesin Casa Amica – Ph. Michela Melotti - Testo Alessandra Ferrari

CHI:

• Valentina Genesin, per Genesin Casa Amica – progetto arredo d’interni

Via Palladio 1, Loreggia (Pd) – Tel. 049 9302033

Via Guizze Basse 29, Loreggia (Pd) – Tel. 049 9301966

Via San Pio X 181, Castelfranco V.to (Tv) – Tel. 0423 721950

genesin.it

LOPUD 1483, UN SANTUARIO NEL SILENZIO

Lopud 1483 è oggi un’oasi di privacy e raffinatezza immersa in un paesaggio di agrumi e ulivi spettinati dal vento di bora.

Lopud-1483-un-santuario-nel-silenzio-Hotel-Croazia-Interno-Living

A una decina di chilometri da Dubrovnik, nell’arcipelago delle Elafiti, sorge l’isola di Lopud. Sulla punta estrema di questa terra lambita dalle acque blu dell’Adriatico, composta da macchia verde mediterranea e punteggiata da candidi scogli, si trova una strepitosa residenza ricavata da un monastero francescano risalente al 1483, che giaceva abbandonato dal 1822.

Lopud-1483-un-santuario-nel-silenzio-Hotel-Croazia-Interno-Living

Dopo un accurato e paziente lavoro di restauro durato vent’anni, il complesso monastico è tornato all’antico splendore con una nuova destinazione d’uso. Il nome riassume, con una parola e una cifra, luogo geografico ed epoca: Lopud 1483. Le tredici anguste celle dei monaci sono diventate (riconvertite, è proprio il caso di dirlo) cinque suite dagli spazi generosi, tutte vista mare.

Le operazioni di recupero, condotte dal direttore creativo Francesca Thyssen-Bornemisza in stretta collaborazione con lo studio Arhitektri di Zagabria, hanno preservato le origini storiche dell’edificio trasformandolo, dopo l’intervento, in Lopud 1483, una struttura ricettiva di charme unica nel suo genere, data la posizione esclusiva e spettacolare.

Lopud-1483-un-santuario-nel-silenzio-Hotel-Croazia-Interno-Living-Pozzo

Francesca Thyssen-Bornemisza si innamorò di questo convento a Lopud nel 1992, quando si recò in Croazia per occuparsi, insieme alle autorità locali, del restauro di alcune chiese danneggiate durante la guerra dei Balcani.

Da allora quell’amore ha dato gli splendidi frutti che sono sotto gli occhi di tutti. Gli interni si presentano arredati con il mobilio minimal della designer italiana Paola Lenti e, in aggiunta, pezzi rinascimentali della collezione di proprietà della stessa Francesca Thyssen-Bornemisza.

Semplicità ed eleganza è il binomio che, come un basso continuo, corre sotto traccia dipanando le note di un’armonia d’insieme in tutti gli ambienti, i quali, per buona parte, conservano ancora l’intonaco originale risalente al XVI° secolo.

Lopud-1483-un-santuario-nel-silenzio-Hotel-Croazia-Interno-Suite

In contrapposizione, anche cromatica, con la natura architettonica quattrocentesca, le pareti presentano pezzi d’arte contemporanea della Collezione TBA21, così come quadri e sculture lignee d’epoca risaltano sul bianco della pietra d’Istria.

Fuori come dentro, a Lopud in questo maestoso quanto discreto ex convento – a cominciare dal living, passando per il reparto notte, per finire con il giardino terrazzato – si respira ancora l’aria mistica che un tempo fu spazio di meditazione e silenzio.

Ph. Lopud 1483 – Testo Germana Cabrelle

FERRETTI YACHTS 1000: MILLE MOTIVI PER INNAMORARSENE

Ecco la nuova ammiraglia, la più grande mai costruita dal cantiere di Ferretti Yachts.

Ferretti Yachts 1000 è frutto della collaborazione tra il Comitato Strategico di Prodotto, presieduto dall’ing. Piero Ferrari, il Dipartimento Engineering Ferretti Group, l’architetto Filippo Salvetti per gli esterni e lo studio Ideaeitalia per il nuovo concept degli interni.

Le forme esterne riprendono la filosofia progettuale inaugurata con gli ultimi modelli della gamma: linee sportive dominano il profilo, con nuove potenze laterali in cristallo a poppa e a centro barca. Notevole è la presenza del teak, che dalla spiaggetta di poppa è ripreso sulla curvatura del portellone, sui camminamenti e sulle scale di accesso al flybridge, fino a rivestire la plancia di comando esterna.

Per la prima volta nella storia del brand, inoltre, Ferretti Yachts 1000 presenta un ampio utilizzo del carbonio, su alcune parti di sovrastruttura e hard top. L’imbarcazione introduce inoltre un nuovo concetto di flusso a bordo, destinato a diventare un elemento iconico per le grandi di gamma.

Ferretti-Yachts-1000-Interior-Dining-area

Il design degli interni risulta infatti elegante e moderno pur rispettando la tradizione nautica tipica del DNA di Ferretti Yachts. La versatilità degli interni si traduce in un layout che lascia all’armatore ampia scelta di interpretare la propria esperienza a bordo. Il senso dell’abitare diventa prevalente. Il rapporto con l’ambiente circostante è valorizzato dalle grandi vetrate a tutta altezza che enfatizzano il contatto con il mare filtrando tanta luce naturale, i mobili freestanding trasmettono sensazione di leggerezza e le curve dei dettagli geometrici esibiscono uno stile unico.

Il legno, nell’essenza del noce, viene declinato all’interno dell’architettura della barca con varie soluzioni: tonalità fiammata e decisa per i mobili, rigato e più tenue per le pareti e cannettato dove si vuole puntare un’attenzione particolare. La speciale lavorazione del cannettato viene utilizzata anche per arricchire e impreziosire i marmi nelle zone di servizio.

Il parquet, che riprende i toni chiari, si amalgama sapientemente agli altri materiali, dai cielini ai particolari top dei mobili in vetro retro verniciato, conferendo all’ambiente un tono rilassato, morbido ed elegante. A bordo, la sensazione è quella di un equilibrio perfetto di materiali, con rivestimenti pregiati e tessuti che offrono un piacevole senso di morbidezza, calore e comfort, contrastati dalla lucentezza di marmi e cristalli.

Ferretti-Yachts-1000-Exterior-Running-Night

Ogni dettaglio rivela eccellenza e al contempo sobrietà, ogni singolo spazio accoglie l’armatore e i suoi ospiti emozionandoli con soluzioni che si distinguono per il fascino senza tempo. Particolare attenzione è stata data al lighting design, completamente rinnovato grazie all’inserimento in tutta la barca di faretti tondi che garantiscono performance ottimali, minimizzando gli ingombri.

Ferretti Yachts 1000 si sviluppa su due ponti ricchi di comfort e può accogliere fino a 10 ospiti in 5 cabine: la suite armatoriale sul ponte principale e 4 cabine ospiti sul ponte inferiore. L’altezza negli ambienti dei ponti principale e inferiore supera i 2 metri. La prima unità Ferretti Yachts 1000 è equipaggiata con una coppia di propulsori MTU 16V 2000 M96L dalla potenza di 2638 mhp: raggiunge 28 nodi di velocità massima e 24 nodi di velocità di crociera.

ferretti-yachts.com

Emanuele Donald Zenoni

Emanuele Donald Zenoni

emanuelezenoni@gmail.com

UN TAPPETO PER IL DESIGN EQUO-SOLIDALE

Giovanni Tomasini, designer e direttore creativo di Studio7B, presenta il progetto Maras della designer Victoria Azadinho Bocconi.

Sulle Ande peruviane, a circa 40 km da Cuzco, un tempo antica capitale dell’Impero inca, 3000 vasche di acqua salata si arrampicano sul fianco del canyon nella Valle Sacra. Si tratta delle antiche saline del distretto di Maras, un complesso sistema di estrazione le cui origini si perdono nella notte dei tempi e rappresentano ancora oggi il principale mezzo di sostentamento per la comunità locale. Dopo l’evaporazione dell’acqua, la superficie di sale cristallizzato sui terrazzamenti crea un gioco unico di colori e riflessi: un paesaggio a tratti lunare che assume sfumature surreali per la sua incredibile bellezza.

Da qui la potente ispirazione che ha portato la designer Victoria Azadinho Bocconi a disegnare il tappeto Maras, riprendendo appunto il nome di questa località.

Spazio-Design-Maras_Tappeto_Equosolidale

Si tratta di un tappeto realizzato manualmente a telaio da “Mama Ashu”, un gruppo di artigiane tutto al femminile. Il tappeto Maras è dunque a kilometro zero, made in Perù, composto al 100% in lana andina e dai colori caldi e terrosi; le sue trame ricreano, con un pattern geometrico, il paesaggio stilizzato della celebre salina.

Victoria Azadinho Bocconi è una giovane designer italo-brasiliana, con un debole per i paesi ispanici. Classe 1990, nasce a San Paolo del Brasile e si trasferisce poi in Italia, dove studia Disegno Industriale alla Facoltà di Ingegneria di Brescia; in Spagna consegue un ulteriore master per poi rientrare in pianta stabile nel nostro Paese, dove si aggiudica diversi riconoscimenti e avvia importanti collaborazioni con designer e aziende di rilievo.

Spazio-Design-Maras_Tappeto_Equosolidale

Il progetto peruviano nasce per valorizzare la maestria degli artigiani delle Ande e sostenere il loro operato.

A dar inizio a tutto, l’Operazione Mato Grosso, che da decenni conduce missioni in America del sud per il mantenimento di diverse scuole-bottega: i famosi “Talleres”. Una delle iniziative nate in seno a OMG appositamente per il Perù è l’associazione “Artesanos Don Bosco”, con scuola a Chacas, una realtà basata sul lavoro dei volontari e su contributi dati sempre a titolo gratuito e in base alla disponibilità di tempo di ognuno.

La voglia di crescere dell’associazione ha dato origine alla collezione Pachamama da un’idea del designer Simone Sabatti. Una linea più moderna rispetto al classico artigianato locale, studiata per raccontare la storia di questo territorio.

Un progetto che Victoria ha sposato con entusiasmo: “La forza sta nell’utilizzare il design per aprire un dialogo con questi artigiani, parlando di luoghi e tradizioni a loro familiari, ma in una maniera diversa da come sono abituati”. Il tappeto Maras è uno dei tre progetti, o meglio “contributi”, ideati per questa collezione di “Design equo solidale”.

Spazio-Design-Maras-Tappeto-Equosolidale

La qualità e la cura dei dettagli del tappeto, sono veramente alte. La fine manualità di questi giovani artigiani, tramandata in gran parte dai maestri italiani, rappresenta la salvaguardia di una tradizione che nel nostro Paese rischia ormai di scomparire.

azadinhobocconi.com

artesanosdonbosco.org

Spazio-Design-Maras-Tappeto-Equosolidale
Giovanni Tomasini - Studio 7B

Giovanni Tomasini - Studio 7B

Interior design, industrial design, web e consulenza in marketing & commerciale. - FabLab Brescia, via Pavoni, 7/B Brescia

LA CAMERETTA A MISURA DI BAMBINO

Come arredare lo spazio cameretta per i più piccoli secondo il metodo Montessori

Poltroncine, tavolini, piccole mensole per i libri, lettini bassi…

Nella cameretta montessoriana tutto è studiato al dettaglio ed è alla portata dei più piccini perché l’idea di fondo è che i bambini si possano muovere liberamente all’interno del loro piccolo regno per esplorare e vivere in autonomia ogni angolo.

Secondo il metodo Montessori, infatti, i mobili li aiutano a crescere e ogni elemento d’arredo è pensato affinché i più piccoli possano accedervi liberamente e in totale sicurezza, senza chiedere l’aiuto degli adulti per i gesti quotidiani. Si tratta di progettare uno spazio cameretta dove ogni oggetto è alla portata delle loro manine, pronto per essere scoperto e trasformato. Non serve una stanza ampia, anche camerette di piccole dimensioni possono ospitare il necessario o ispirarsi al metodo per arredare.

Se si dispone di molto spazio, invece, è possibile realizzare delle aree tematiche, ad esempio la zona notte, la zona gioco e la zona lettura. Più in generale, è importante creare una cameretta rilassante e confortevole, magari utilizzando colori tenui e chiari, toni pastello e materiali lavabili o naturali come legno, cotone e lino.

Per quanto riguarda la zona notte, il lettino della cameretta montessoriana rovescia completamente la situazione dei soliti letti per bambini con le sbarre: infatti è basso e senza protezioni affinché il bimbo possa salire e scendere da solo quando e come vuole, oltre a permettergli di riordinarlo ogni mattina.

Inoltre, la cameretta montessoriana non prevede un vero e proprio armadio, bensì supporti a parete posizionati alla giusta altezza o piccole cassettiere dove i bambini possano riporre i propri abiti senza sforzi. Divertiti a guardarli scegliere abbinamenti e colori diversi ogni giorno: probabilmente non saranno azzeccatissimi, ma scoprirai le loro preferenze e quanto possano essere bravi a svolgere un’attività che non sempre viene loro concessa…

La cameretta montessoriana, inoltre, non è fatta solo per dormire, ma anche per divertirsi e per apprendere. La zona lettura prevede piccole mensole o una libreria dove i libri sono a portata di bambino e possono essere presi e sfogliati liberamente. Un morbido tappeto su cui stendersi e rotolarsi oppure piccole poltroncine e tavolini lo possono inoltre aiutare ad avere uno spazio per mettersi a leggere o colorare.

Stesse regole per la zona gioco: il metodo Montessori suggerisce di tenere i giocattoli bene in vista e ordinati su ripiani alla giusta altezza oppure all’interno di ceste o sacchi. In questo modo i bambini possono comprendere che ogni cosa ha la sua collocazione e avere tutto il necessario a portata di mano. Naturalmente è importante non esagerare con gli stimoli e selezionare pochi oggetti, semplici, magari di uso comune, per non confondere e lasciare il tempo di esplorare tutto senza distrazioni.

Allora lasciati ispirare dal metodo Montessori per arredare una cameretta che incentivi l’esplorazione e che possa aiutare il tuo bambino a conquistare qualche piccola autonomia.

Dott.ssa Fabiana Faustini

Dott.ssa Fabiana Faustini

Psicologa e psicoterapeuta