la memoria degli elementi
la memoria degli elementi

LA MEMORIA DEGLI ELEMENTI

[Best_Wordpress_Gallery id=”108″ gal_title=”MEMORIA-ELEMENTI-PHOTO”]

Una casa dalla doppia anima, capace di rispettare la storia del luogo introducendo una contemporaneità dalla verve inaspettata e rispettosa.

progetto di ristrutturazione e interni – testo opera lab  – ph michele biancucci

 

Siamo a Villa San Filippo, nella valle del Chienti e l’originale appartamento illustrato nelle pagine a seguire è ubicato in uno storico immobile – frutto dell’accorpamento di diversi fabbricati – un tempo utilizzati come “centrale del vino” (1959) e oggi ovviamente in disuso. Il progetto punta a raggiungere un equilibrio tra contemporaneità e rispetto delle preesistenze, attraverso ambienti in cui coesistono materiali di finitura tra loro differenti per texture, colore e bagaglio storico, al fine di creare un voluto contrasto tra “pesantezza e leggerezza” degli elementi. Il mattone faccia-vista che caratterizza l’esterno dello stabile contamina gli interni dell’appartamento creando un legame indissolubile e conferendogli un calore avvolgente. Lo spazio abitativo si sviluppa su due livelli. L’assetto planimetrico dell’area giorno è stato fortemente riconfigurato: le aperture nel muro di spina mettono in comunicazione il living room con la sala da pranzo, creando così una schermata che permette di scoprire in più passaggi lo spazio, pur trasmettendo la sensazione di un unico ambiente, arioso e luminoso. Una parete attrezzata ospitante il camino fa da sfondo al living room e il rivestimento in doghe di legno scuro e materico assicura profondità allo spazio. Il pavimento in cemento al quarzo funge da base neutra per far risaltare gli arredi, dei più diversi stili e provenienze, con il legno (in svariate finiture) come unico comune denominatore. I corpi illuminanti giocano un ruolo fondamentale, accentuando la volumetria della casa ed evidenziando le differenza materiche; la luce crea un forte chiaro-scuro sulle asperità dei mattoni, scivolando brillante sulle superfici levigate. Una scala in legno e metallo, dal design fortemente contemporaneo, attraversa lo spazio a doppia altezza dell’area giorno e conduce ad un ballatoio sul quale si affacciano le camere da letto. Nella camera padronale, la tradizionalità delle pareti in muratura e del soffitto in legno con orditura a vista, contrasta con la vasca da bagno dalle linee semplici ed austere. È proprio da questa relazione particolare tra passato e presente che nasce il linguaggio rigoroso e colto adottato per questo intrigante spazio abitativo.

Ultime da Le nostre case

BAGLIORI E DESIGN

[Best_Wordpress_Gallery id=”862″ gal_title=”BAGLIORI-E-DESIGN”] Una villetta di nuova costruzione per una giovane famiglia che ama la bellezza

VIVERE IN UN’EMOZIONE

[Best_Wordpress_Gallery id=”863″ gal_title=”VIVERE-IN-UN-EMOZIONE”] Carattere ed emozione per questo chalet a Madonna di Campiglio dove la natura

GLAMOUR IN COSTA AZZURRA

[Best_Wordpress_Gallery id=”864″ gal_title=”GLAMOUR-COSTA-AZZURRA”] Un ambizioso progetto architettonico fa di questa villa sulla Costa Azzurra un piccolo

DENTRO LA STORIA

[Best_Wordpress_Gallery id=”865″ gal_title=”DENTRO-LA-STORIA”] Vivere nelle trame del passato con la bellezza e il comfort che solo

OLTRE L’INFINITO

[Best_Wordpress_Gallery id=”866″ gal_title=”OLTRE-INFINITO”] Incastonata nella roccia delle colline bergamasche, una villa si sviluppa su più livelli